Altro

Assegno di ricollocazione: per disoccupati da 250 a 5 mila euro

Coordinato dall'Anpal, arriva l'assegno di ricollocazione per i disoccupati. Contributi da 250 euro ai 5 mila euro

Arriva, dopo una lunga fase di sperimentazione, l’assegno di ricollocazione per i disoccupati. In particolare, si tratta di un contributo economico che – in base al profilo del disoccupato – va da un minimo di 250 euro a 5.000 euro per i disoccupati, da almeno quattro mesi sono percettori di Naspi, la nuova indennità di disoccupazione. La somma chiaramente varia a seconda della difficoltà della ricollocazione del disoccupato, una difficoltà che può essere determinata da formazione, territorio, e tutta una serie di elementi che rivelano sostanziali problematicità.

Secondo il documento diffuso da ANPAL, i soggetti che possono accedere al servizio sono:

  •  percettori di NASPI
  • i beneficiari del Reddito di Inclusione per i quali il progetto personalizzato prevede la stipula del patto di servizio
  • i lavoratori coinvolti nell’accordo di ricollocazione di cui all’articolo 24 bis del decreto legislativo n.148/2015

I servizi saranno erogati dalle Regioni, attraverso i centri per l’impiego. Nelle Regioni considerate “meno sviluppate” o “in transizione” (Campania, Puglia, Basilicata, Calabria, Sicilia, Sardegna, Abruzzo e Molise) sarà, inoltre, consentita la creazione di “Sportelli Temporanei Territoriali”.

L’accreditamento può essere richiesto in determinate “finestre temporali” con la prima scadenza a fine marzo. Dopo l’accesso al servizio, sono previsti sei mesi di formazione intensiva (con possibilità di proroga) e ai centri per l’impiego che avranno fatto sì che i beneficiari dei loro servizi abbiano ottenuto successo occupazionale gli assegni saranno più sostanziosi.

 

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Altro... assegno di ricollocazione, disoccupati, disoccupazione
Povertà, disoccupazione: i punti deboli dell’Italia secondo l’OCSE

L'Italia cresce poco, e a quanto pare sono i giovani a pagarne le conseguenze: il monito dell'OCSE.

Giovani e disoccupazione: per Papa Francesco è peccato sociale

Il pontificato di Papa Francesco è stato sin dall’inizio segnato da un forte impegno sociale. Bergoglio non ha mai taciuto...

Chiudi