Calcio Catania

Sport e cultura si sposano: sconti per gli abbonati di Calcio Catania e Teatro Bellini

Calcio Catania e Teatro Vincenzo Bellini viaggiano all’unisono: parte la nuova iniziativa per accrescere il patrimonio culturale partendo dallo spirito entusiasmante dei tifosi.

Il Calcio Catania e il Teatro Vincenzo Bellini si uniscono per coronare un grande incontro tra il mondo dello sport e quello della cultura. Cooperazione, questa, che permetterà di soddisfare i desideri del popolo catanese, offrendo piacevoli vantaggi per gli appassionati ad ambo i settori.

Gli abbonati al Teatro potranno avere agevolazioni per l’ingresso allo stadio in presenza di determinati progetti, mentre per i tifosi abbonati alla stagione calcistica del Catania 2017/2018, mostrando  il documento di identità e la tessera di abbonamento all’ingresso del Teatro Bellini, potranno usufruire del 20% di sconto sulle rappresentazioni teatrali. Lo sconto sarà applicato alla tabella tariffaria stilata accuratamente dall’Ente Teatro Massimo Bellini per tutti i turni pronosticati in tabellone (escluso il turno “A”, dedicato alle “prime” delle stagioni liriche).

L’amministratore Delegato Pietro Lo Monaco si è mostrato entusiasta per questa nuova iniziativa, sancita dall’Area Marketing del club, che permetterà di agevolare e supportare l’immenso patrimonio culturale del territorio catanese, di cui proprio il teatro Bellini ne è protagonista. Lo Monaco ricorda a tal proposito la celeberrima ed intramontabile opera artistica del “Cigno”, di massima espressione musicale e considerata come «espressione della genialità cittadina». È proprio partendo da un energetico sentimento sportivo che si cerca di enfatizzare quella che è la nostra eredità culturale, che dovrebbe essere considerata come «motivo di orgoglio».

Roberto Grossi, sovrintendente del teatro, afferma che l’unione tra queste due grandi ed importanti realtà ha come fine principale quello di «creare un dialogo tra la grande musica e il grande sport per fare concretamente rete e sistema nel territorio». Due mondi solo apparentemente opposti ma legati indubbiamente da valori umani e civili simili, tra cui ricorda Grossi, la sana competizione, il rispetto delle regole, il gioco di squadra, traguardi importanti sul palcoscenico come sul campo di calcio, l’eccellenza del mito del campione del pallone e quello dei virtuosi del palcoscenico.

Un’unione, dunque, che permettere di dare sfogo alle più entusiasmanti emozioni in due campi diversi ma accomunati da un’unica cosa: l’amore. L’amore per lo sport e per la musica, che da sempre accompagnano l’uomo nella sua quotidianità, lasciandone un’impronta nella sua personalità.

Università di Catania