Alimentazione e Nutrizione

Fame nervosa: come combattere la voglia di mangiare senza controllo

Sgranocchieresti tutto il giorno merendine e cibi non sani? Ti distrai dallo studio e dalle attività quotidiane pensando ogni momento della giornata al cibo? Senti lo stimolo della fame anche dopo aver finito di mangiare? Se ti riconosci in questi sintomi probabilmente anche tu soffri di fame nervosa.

Molti di noi conosceranno sicuramente lo stress e l’ansia legati a periodi di studio intenso, magari proprio quando dobbiamo preparare un esame difficile, o siamo nel bel mezzo della sessione. In questi casi, spesso capita che, oberati dal super-studio e dall’ansia di non farcela, facilmente cadiamo nella brutta abitudine che ci induce ad un irrefrenabile voglia di mangiare continuamente. Per intenderci, parliamo di fame nervosa.

Per sfogare lo stress, infatti, spesso ci gettiamo nel cibo, ingurgitando nell’arco della giornata quantità sproporzionate di snack, merendine, patatine e dolci vari, senza controllo. Un biscotto tira l’altro, e dopo aver ripetuto per qualche ora la materia che stiamo studiando, ecco che ci troviamo ad aver magicamente terminato la confezione di biscotti aperta poco tempo prima.

E’ superfluo ribadire quanto possa essere dannoso per la salute una tale cattiva abitudine, che oltre a farci ingrassare, può anche a lungo andare compromettere alcune funzioni del nostro organismo. Ma, nonostante siamo consapevoli, razionalmente, del rischio che corriamo ingurgitando ripetutamente snack e cibi non sani, anche quando siamo sazi, dire di no agli stimoli della fame nervosa non è affatto facile.

Tuttavia, vincere la continua sensazione di fame non reale che percepiamo non è impossibile, basta seguire alcuni semplici consigli.

  1. Mai dimenticare gli spuntini: Per evitare di mangiucchiare tutto il giorno, abituati a rispettare sempre lo spuntino spezza-fame di metà mattina e pomeriggio. Frutta secca, yogurt e cereali, pezzo di pane e prosciutto sono i cibi ideali. Leggi anche Studenti&fornelli – Pausa studio? Ecco 10 snack sani e veloci
  2. Prediligi i cibi sazianti: Sono gli alimenti semplici, non raffinati che ci fanno sentire sazi. Parlo dei cibi più proteici, più ricchi di fibre e meno gustosi al palato:uova, pesce, carne, frutta fresca, patate e fagioli.
  3. Evita i cibi “affamanti” cioè quelli che scatenano maggiormente la fame nervosa perché ad esempio favoriscono i picchi di glicemia, inducendo a desiderare sempre più dolci: caramelle e dolcetti ricchi di zucchero, ma anche prodotti da forno realizzati con farine bianche,fritture, bibite zuccherate (ma anche quelle a zero calorie) e alcolici, insaccati e alimenti grassi in genere, alimenti conservati sott’olio, maionese e tutte le salse ipercaloriche, patatine e snack salati, cibi che contengono additivi, soprattutto glutammato ed edulcoranti di sintesi.

Questi semplici consigli, anche se possono sembrare banali, se seguiti realmente hanno la loro efficacia. Ma, innanzitutto, per combattere i falsi stimoli della fame nervosa che il nostro cervello ci manda, dobbiamo essere astuti noi a capire l’inganno e a trovare a nostra volta il modo per ingannare  il cervello, invertendo il meccanismo finora attivato e riprendendo il controllo di noi stessi, perso a causa dello stato emotivo di ansia in cui siamo.