Scienza e Salute

RICERCA – Qual è lo sport che allunga la vita? Bocciato il calcio

In Italia lo sport per eccellenza, il più seguito, è sicuramente il calcio. Ma, secondo una ricerca, non è questa l’attività che allunga di più la vita.

sport-diversi

Il tennis è lo sport che allunga di più la vita, dimezzando il rischio di morte, seguito da nuoto, aerobica e ciclismo. Ad affermarlo uno studio della Sydney Medical School pubblicato dal British Journal of Sport Medicine, secondo cui invece da calcio, rugby e corsa apparentemente non ci sono benefici.

I ricercatori hanno analizzato 11 ricerche fatte tra il 1994 e il 2008 in Inghilterra e Scozia, coprendo un campione di oltre 80mila persone di età media 52 anni che avevano descritto le proprie abitudini sportive, concentrandosi sulle attività più popolari emerse: sport di ‘racchetta’ (Tennis, squash, badmnington), nuoto, aerobica, lavori di casa pesanti, camminata, calcio e rugby, corsa. I soggetti sono stati seguiti per 9 anni, periodo durante il quale ci sono state circa 10mila morti.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!

Confrontato con la quota di soggetti che non facevano attività sportiva, il rischio di morte è risultato minore del 47% per chi praticava sport di racchetta, del 28% per i nuotatori, del 27% per chi pratica le attività aerobiche in palestra, danza compresa, e del 15% fra i ciclisti. Per quanto riguarda invece la morte per problemi cardiovascolari lo studio ha trovato un rischio minore del 56% per i tennisti, del 41% per i nuotatori e del 36% per chi pratica aerobica.

Nessun beneficio statisticamente significativo è stato trovato invece per chi corre o fa calcio, anche se secondo gli stessi autori altri studi hanno invece trovato effetti positivi anche per queste discipline. “Questi risultati dimostrano che fare uno sport può avere grandi benefici per la salute pubblica – concludono gli autori –, e possono aiutare i medici a spingere i pazienti verso una maggiore attività fisica”.

UNIVERSITÀ DI CATANIA