Calcio Catania

CALCIO CATANIA – Di Grazia show, la tripletta del catanese regala il derby ai rossazzurri: i goal e le pagelle [VIDEO]

catania-messina-goalSi porta il pallone a casa il beniamino rossazzurro Andrea Di Grazia, grazie alla sua stupenda prestazione condita da una tripletta che non scorderà mai. Il classe ’96 nativo di Catania ha trascinato per tutta la gara i suoi compagni, risultando ancora una volta il più lucido ed il più in palla, nonostante le prestazioni poco convincenti della squadra etnea nelle ultime uscite.

Mister Pino Rigoli continua a dargli una giusta e meritata maglia tra i titolari nel tridente offensivo, scelta rivelatasi vincente e ripagata; lo vince il Catania, dunque, l’atteso derby siciliano contro il Messina, dopo una partita in cui si sono registrati alti e bassi e con più di una chance sprecata per chiudere il match.

Partita subito in salita per i giallorossi, grazie alle arrembanti iniziative degli etnei, che sfiorano subito il goal con Calil e Parisi, e grazie alla prima delle tre reti firmata da Andrea Di Grazia, che sfrutta una magistrale sponda del brasiliano Calil prima di spedire in fondo al sacco con una fucilata dagli 11 metri. Il Catania rischia poco e sfiora il raddoppio con l’ex di turno Barisic, che spedisce incredibilmente a lato con un pallonetto poco preciso nell’uno contro uno con il portiere avversario Berardi.

Ma è proprio il finale di primo tempo la fase più concitata della gara: Catania che passa ancora grazie al solito Di Grazia, abile a sfruttare l’assist con le mani di Djordjevic direttamente da rimessa laterale e superare con un simil sombrero un avversario e depositare in rete per la doppietta personale; pochi minuti dopo viene annullato, per dubbio fuorigioco, un goal in tuffo a Caetano Calil e, sul finale di primo tempo, il migliore dei giallorossi Pizzobon, sfrutta un evidente errore di valutazione di Gil e scarica alle spalle di Pisseri con un missile da fuori aria.

Inizio di secondo tempo che parte malissimo per gli etnei, incapaci di creare gioco e schiacciati sulla propria metà campo da un Messina che comunque non riesce a creare azioni pericolose; ci pensa al 65esimo minuto di gioco il neo entrato Russotto ad accendere la gara, con due azioni pericolose che portano prima al grande intervento di Berardi, aiutato anche dal palo, su un tiro ad incrociare e, successivamente, da un tiro di fuori area che sfiora di poco la porta. Ancora pericoloso il Catania con Calil che si vede respingere sulla linea un colpo di testa dall’estremo difensore peloritano, preludio comunque al terzo goal di Andrea Di Grazia che sfrutta un retropassaggio errato per depositare in rete la palla che, a fine gara, si porterà a casa. Succede ben poco fino alla fine, con l’unica azione degna di nota del solito Pizzobon che chiama al grande intervento Pisseri.

“Sono contento, abbiamo ritrovato la vittoria che ci mancava da un po’ di tempo – ha dichiarato Di Grazia in sala stampa. Per un catanese questa giornata è il top. Il gol più difficile? Il secondo forse, un po di fortuna però ci vuole sempre. Un’emozione indescrivibile esultare con uno stadio così caloroso e quando ho segnato eravamo in 10 mila a metterla dentro. Rigoli per me conta tanto; dedico i goal a mio padre Graziano che è scomparso quando ero piccolo, in tribuna c’era anche mia madre”.

Da sottolineare la grande cornice di pubblico, con oltre 10.000 presenze, che hanno garantito spettacolo e coreografie d’altri tempi e categorie. Cospicua anche la presenza dei tifosi messinesi che, grazie ad un sano e sportivo campanilismo nei confronti degli etnei con rapidi botta e risposta da una parte all’altra, hanno finalmente dato senso ad una partita di calcio, ad un derby giocato nella nostra terra. Uno spettacolo che, nei canonici e massimi margini di sicurezza, dovrebbe essere sempre presente e garantito. Uno spettacolo d’altri tempi.

PAGELLE

PISSERI 6,5; PARISI 6, GIL 5, BERGAMELLI 6,5, DJORDJEVIC 6,5; BIAGIANTI 6,5 (DA SILVA S.V.), BUCOLO 7, DI CECCO 6,5; BARISIC 5 (RUSSOTTO 6,5), CALIL 7, DI GRAZIA 10. ALL. PINO RIGOLI 7.

Di seguito le azioni salienti ed i goal del derby:

Rimani aggiornato