Attualità Lavoro, stage ed opportunità Società Università

UNIVERSITÀ E LAVORO – I corsi più affollati e quelli meno frequentati

Dept sign post. Financial problems and decisions ; Shutterstock ID 171756236; Rivista/Pubblicazione: Idee per il tuo futuro; Numero d'ordine: sito; Azienda: cdutto; Partita IVA : interno

Secondo il rapporto Excelsior di Unioncamere, reso pubblico durante il Job&Orienta di Verona lo scorso 22 novembre, nonostante la crisi economica dilagante e i conseguenti tagli del personale a cui sono state costrette molte imprese, risultano essere numerose le realtà aziendali che si imbattono in non poche difficoltà al momento della ricerca di adeguate figure professionali da inserire all’interno del proprio organico.

Infatti, nel 2014, i posti di lavoro “difficili” da coprire ammontavano a circa 39 mila, il che denota un trend positivo rispetto all’anno precedente, nel quale erano pari a ben 47 mila, ma che è ugualmente indice di un problema di disallineamento piuttosto evidente.

In particolare, la disparità tra domanda e offerta ha ad oggetto soprattutto profili di laureati in materie scientifiche e tecniche, ma la mancanza di professionisti e personale qualificato in determinati settori è conseguenza, secondo le imprese, delle elevate aspettative nutrite dai giovani lavoratori, che non desiderano cimentarsi in alcune carriere considerate di basso profilo, ma di cui il mondo lavorativo ha concretamente bisogno. Così si verifica uno scarto tra corsi eccessivamente affollati e altri con un numero esiguo di iscritti.

La maggiore percentuale di iscrizioni si è avuta nel settore umanistico e in quello giuridico: dai dati incrociati forniti da Unioncamere e dall’Istat, i laureati del 2013 sono il 33,9 per cento, tra i quali il 10,6 per cento proviene da corsi di laurea in lettere, i quali, a un anno dal completamento del ciclo di studi universitari, sono quelli con la più bassa percentuale di inserimento nel mondo del lavoro. In secondo luogo nella classifica troviamo le discipline economico-sociali, categoria la cui percentuale è del 32,7 per cento, all’interno della quale il 18,7 per cento è formato dagli studenti delle facoltà economico-statistiche, seguito dal 14 per cento delle università con indirizzo politico-sociale.

Dall’altro estremo della graduatoria, bisogna fare riferimento all’area scientifica, che nel 2013 conta soltanto il 18,5 per cento dei laureati. In particolare, l’università con meno iscritti è quella agraria; mentre, per quanto riguarda ingegneria e architettura, le stime si aggirano intorno al 25,5 per cento, con netta prevalenza di studenti proveniente dalla prima. Nel settore medico, i laureati sono il 20,4 per cento, di cui ben il 16,8 per cento proviene dalla laurea triennale in professioni sanitarie. Infine, all’ultimo posto troviamo coloro che hanno conseguito la laurea in scienze motorie, che corrispondono all’1,6 per cento.

 

Laura Paglia

Proofreading e Autrice Nata a Caltagirone ma innamorata di Catania, dove frequenta la facoltà di Giurisprudenza, dopo essersi diplomata al Liceo Classico, ha fin da piccola mostrato una particolare attitudine per la scrittura in tutti i suoi aspetti; approfitta al volo della possibilità offertale dalla redazione catanese per confrontarsi col mondo del giornalismo e per sperimentare concretamente un ambito che la affascina da anni; mette così al servizio del giornale telematico le competenze acquisite durante i suoi studi e la sempre presente passione per la scrittura, cercando di affinare al meglio le capacità coltivate, perché misurare se stessi e mettersi alla prova è la base per il raggiungimento dei propri obiettivi.

Altro... Almalaurea, diploma, economia, imprese, iscrizioni, Istat, laurea, lavoro, lettere, professione, unioncamere
Anna Pestalozza, cervello in fuga in Olanda: “Renzi dia spazio ai giovani e ascolti le mie idee”

Anna Pestalozza ha 27 anni, viene da Milano e dopo la laurea in designer al Politecnico decide di lasciare l’Italia...

LAVORO – Assunzione nei musei con il nuovo bando EPSO

In occasione dell’apertura della Casa della storia europea di Bruxelles, prevista per il 2016, è stato emanato un nuovo bando...

Chiudi