Divertenti In Copertina Società Tecnologia e Social

Risse tra zaurdi? Da oggi puoi giocarle: è nato il videogame Mammorians fighters

EDIT: il creatore comunica che il gioco sarà scaricabile gratuitamente (scarica)

[Best_Wordpress_Gallery id=”154″ gal_title=”MAMM”]

Le loro “calate” in centro, rigorosamente in gruppo “tosto e compatto”. Le scorrazzate in motorino sfidando le leggi della fisica e dell’aerodinamica per mantenere sulla testa il cappellino appena appoggiato. O le parate in auto semoventi dalla forza dello spostamento d’aria prodotto dal subwoofer. Il catanese medio e in particolar modo lo studente universitario, dall’alto della sua solo presunta cultura, è solito aborrire di fronte a spettacoli di questo tipo additando come zaurdi i personaggi che ne sono protagonisti. Ma alzi la mano chi, nel bel mezzo di una discussione accesa non è mai stato vittima del gene recessivo civitota/picanelliota esclamando frasi come: «Su ti pigghiu ti scunocchiu» o «Ti rugnu a ddue a ddue fin’a quannu un addiventanu dispari». Se avete sempre sognato di far sfociare una rissa verbale a sane dosi di “coppa” o volete semplicemente farvi due risate è da poco online il gioco per pc “Mammorian Fighters“, versione nostrana del celebre picchiaduro “Street fighters“. Ma al posto delle lontane ed esotiche ambientazioni orientali, i luoghi tipici della vita catanese come la playa, piazza Duomo, la villa e la centralissima via Etnea. Addio anche ai fighissimi ninja e karatechi: potrete scegliere solo tra i più genuini Melo, Savvatore, Jessica, Antony, Jonathan e Iano Papale, che pur mantenendo le fisionomie asiatiche risponderanno a tono alle offese ricevute. Disponibile qui il link alla demo gratuita nel sito “ufficiale” del gioco : per la versione completa si paga invece 1,49€.

[youtube http://www.youtube.com/watch?v=6cBUfxTJagg&w=560&h=315]

Il gioco attrae fin da subito curiosità. Per togliercene qualcuna abbiamo intervistato l’autore del gioco Fabrizio Stancanelli, studente di medicina con l’hobby dell’informatica e dell’editing grafico.

– Nel gioco, tra le location scelte, mancano le vie dei quartieri “più caldi”. E’ una scelta voluta per evitare eventuali discriminazioni?
– «Hai centrato il punto: è un videogame creato in chiave ironica, generalizzando sui normali cliché catanesi. L’intenzione era proprio quella di non offendere nessuno ma piuttosto rendere apprezzabile e divertente per tutti il mio lavoro».

-Tra i titoli più famosi dei videogame, in quale ti piacerebbe ci fosse una mod “catanese” come quella attuata da te?
 – «Appartengo ad una classe di videogiocatori legati ad una vecchia generazione di giochi basati su piattaforme Commodore, Amiga e Windows 95-98. Credo che le avventure grafiche in stile comico/ironico potrebbero prestarsi meglio ad una mod “catanese” , tuttavia non è facile trovare programmi di editing utili allo scopo».

-Due critiche: mancano il gioco online e la caratterizzazione grafica dei personaggi. Sono features alla quali stai lavorando o il gioco è in versione definitiva?
– 
«Si accettano anche più di due critiche. Mammorians Fighters è un progetto amatoriale basato sul motore grafico opensource M.U.G.E.N. che manca di comparto online, quindi realizzarlo “ad hoc” è pressocché impossibile. Riguardo la caratterizzazione grafica dei personaggi, il problema sono le “sprites”, cioè i singoli frame di animazione di ogni personaggio – ci spiega Fabrizio – «Ricrearle rappresenterebbe un impegno enorme soprattutto in termini di tempo. Mammorians fighters è ancora ad una versione 1.0 ma ovviamente non escludo eventuali modifiche al gioco atte a migliorarne la grafica dei personaggi e le varie features di gioco».