Altro

E tu che cervello hai? Il nuovo libro di Kosslyn e Miller ci spiega come pensiamo

emisferiAppena uscito (il 5 novembre 2013) il nuovo libro, edito da Simon and Schuster , di Stephen M. Kosslyn, noto neuroscienziato cognitivo e professore a Harvard, e dello scrittore e sceneggiatoreG. Wayne Miller, dal titolo «Top Brain, Bottom Brain: Surprising Insights Into How You Think», cioè: «Cervello alto e cervello basso: rivelazioni sorprendenti su come pensiamo». Rivoluzionaria la nuova tesi di cui si fanno portatori gli autori del libro che intendono presentare la “loro” teoria di funzionamento del cervello, promuovendo “un nuovo ed entusiasmante modo di pensare le nostre menti”, partendo da  “un nuovo modo di guardare il cervello”. Alla classica suddivisione del cervello in emisfero destro (deputato alle forme, all’immaginazione e alle analogie) ed emisfero sinistro (atto invece al calcolo, alla logica e al linguaggio), si contrappone e si sostituisce la distinzione di un cervello alto e di uno basso. Più precisamente, l’idea dei due esperti è quella di inquadrare il funzionamento del cervello umano in un’ottica di “un tutto”, di un sistema integrato in cui ciò che conta è considerare come le diverse parti interagiscono tra di loro. Giungono così alla formulazione di un nuovo modo di vedere l’interazione tra  cervello e pensiero.  Nel libro, infatti, sono proposti nuovi modi di interazione che Kosslyn e Miller chiamano: Dinamico («Mover») , Riflessivo («Perceiver») , Creativo («Stimulator») ed Elastico («Adaptor»). Scendendo nel dettaglio abbiamo il modo:

untitledbbbbbbbDINAMICO (Mover) : consiste nell’utilizzo alternativo, a scelta, sia del cervello alto che del cervello basso. Si tratta di una modalità di funzionamento che permette la pianificazione a lungo termine delle azioni costanti e che consente di porsi come leader. Questo meccanismo di funzionamento è tipico di persone che hanno trascorso un’infanzia difficile o contrarietà iniziali di una certa difficoltà, poi superate. Vengono citati per ogni modalità di funzionamento degli esempi di personalità emblematiche che rappresentano questo tipo di meccanismo. In questo caso sono indicati i famosi fratelli Wright, pionieri dell’aviazione, il presidente Franklin Delano Roosevelt e la star televisiva americana Oprah Winfrey.
RIFLESSIVO (Perceiver) : consiste nell’utilizzo opzionale e modulare del cervello basso, ma NON del cervello alto. Questa modalità di funzionamento permette l’esplorazione in profondità del proprio pensiero e delle proprie azioni, situandoli in un contesto più ampio. Gli esempi riportati fanno riferimento a religiosi come il Dalai Lama e scrittori come Emily Dickinson, personalità fondamentalmente schive, discrete, poco inclini ad apparire sotto i riflettori, che in genere non realizzano personalmente grandi progetti e non ricevono meriti trionfali per quanto condotto.

CREATIVO (Stimulator) : rappresenta esattamente l’inverso del modo precedente (riflessivo): si verifica un intenso uso del cervello alto, ma NON del cervello basso. Questo tipo di modalità consente di eseguire progetti anche di una certa complessità, senza tener conto delle possibili conseguenze, vi è una mancanza di flessibilità che induce all’incapacità di sapersi adeguare ad eventuali modifiche dei progetti iniziali al variare delle situazioni. Può trattarsi di persone creative e originali, ma, malgrado ciò, si corre il rischio di sabotare la tempistica, di non fermarsi in tempo, costituendo problemi per loro stessi e per gli altri. L’esempio citato è il campione di golf  Tiger Woods, o altri (ben intenzionati) attivisti sociali americani che in conclusione hanno fallito il perseguimento dei propri obiettivi.

ELASTICO (Adaptor) : vede uno scarso uso opzionale sia del cervello alto che di quello basso. Si è incapaci di immaginare e/o portare a termine progetti a lungo termine, si è completamente assorbiti dal contingente e dalle richieste immediate dell’ambiente. Si  cade in un rischioso conformismo che porta a imitare la massa, fermo restando che spesso si è giudicati spiritosi e vivaci. Si tratta di persone adatte come  membri di una squadra, negli sport e nelle imprese. Tra gli esempi spiccano alcuni celebri campioni americani di baseball e, curiosamente, anche l’attrice Elisabeth Taylor che, nonostante il suo celebre spirito umoristico, è stata incapace di programmare la propria vita privata, come testimoniano i suoi ben otto matrimoni.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!

Questi modi, alla base dei nostri pensieri e comportamenti, modellano la nostra personalità, secondo gli autori, e grazie a un test sviluppato dallo stesso Kosslyn e presente nel libro si potrà (secondo gli autori) “subito essere in grado di determinare la modalità meglio definisce il proprio pensiero dominante”. Una volta identificato la nostra modalità cognitiva dominante, le possibili applicazioni pratiche sono illimitate: potrebbe influenzare come condurremo gli affari, le nostre relazioni sentimentali o, più genericamente, il nostro “viaggio alla scoperta di noi stessi”.

A proposito dell'autore

Maria Eleonora Palma

Autore - Sono nata il lontano 24 Novembre del 1993 a Vittoria, una piccola città in provincia di Ragusa. Mi divido tra Catania, dove frequento il primo anno della facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche, e la mia città natale che amo tanto e a cui sono legati ricordi, amicizie e impegni vari. Sono una persona piuttosto socievole e accogliente, amo fare nuove esperienze (per questo piuttosto spesso mi ritrovo in situazioni buffe e stravaganti, comunque… sorvoliamo la faccenda!). Mi piace molto scrivere, leggere libri di tutti i generi e sono da ormai 4 anni educatrice in ACR (Azione Cattolica Ragazzi). I bambini sono il mio piccolo laboratorio: mi piacerebbe in futuro lavorare con loro, e grazie a questa opportunità ho scoperto pian piano che i bambini non sono dei piccoli “mostriciattoli capricciosi”, anzi un continente di emozioni, pensieri e comportamenti da scoprire. E’ molto bello e gratificante lavorare e avere a che fare con loro, spesso sono più sensibile e profondi degli adulti. Mi piacciono gli animali, anche se per ragioni di spazio, non ne tengo alcuno a casa. L’ultimo libro che ho letto è Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, uno dei miei libri preferiti, riletto più volte, questa è la terza, e credo uno dei testi meglio riusciti sull’autismo infantile. Non appena riuscirò a ritagliarmi un po’ di tempo, vorrei iniziare un corso di fotografia. Quello che mi manca è la Reflex, ma questo non è un problema.

UNIVERSITÀ DI CATANIA