Catania

Omicidio nel Catanese: assassino tenta di scappare in Francia

carabinieri-auto
Un ragazzo di 26 enne è stato ucciso a causa di un debito non saldato; il responsabile della sua morte è stato bloccato a Milano.

Lo scorso 4 febbraio è stato assassinato nel Catanese Mohamed Mouma, 26enne marocchino. I carabinieri stanno indagando sul fatto e, adesso, grazie alla visione delle riprese del sistema di videosorveglianza di un’area di servizio di Paternò il quadro è completo: una telecamera, infatti, riprende la scena del delitto, in cui si vede un uomo colpire con due fendenti la vittima.

I carabinieri della compagnia di Paternò, coordinati dal procuratore aggiunto di Catania Fabio Scavone e dal sostituto Magda Guarnaccia, grazie alle immagini visionate ed ai rilievi eseguiti dalla sezione investigazioni scientifiche del nucleo investigativo del comando provinciale dell’Arma, hanno dunque accusato Issam Lahmidi, 36enne e connazionale della vittima. L’uomo avrebbe agito spinto dalla rabbia in quanto il 26enne era suo debitore per questioni di lavoro.

L’indagato, ricostruisce la Procura di Catania, è stato fermato a Milano martedì scorso, in stazione Centrale al binario 20, dove stava per prendere un treno diretto a Ventimiglia, dopo essere fuggito dalla Sicilia in seguito all’omicidio per recarsi in Francia. Alla vista dei carabinieri avrebbe inutilmente cercato di nascondersi tra la folla, ammettendo però poi di essere colpevole.


Catania, portava droga a domicilio: tra i clienti un docente d’arte


 

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!