Università di Catania

UNICT – Caritas, convenzione per attività di volontariato: come candidarsi

Unict e Caritas hanno siglato una convenzione per permettere a studenti e personale universitario di partecipare ad attività di volontariato.

“Essere studenti del nostro ateneo non è soltanto frequentare le lezioni e sostenere gli esami, ma anche diventare soggetti responsabili con un senso di comunità per questa città e per la società”. Con queste parole, il rettore Francesco Priolo ha commentato l’atto di definizione della convenzione tra Università di Catania e Caritas. Grazie a quest’accordo, studenti, docenti e personale tecnico dell’Università potranno fornire il proprio supporto alle attività di volontariato quotidiane dell’Help Center di Piazza Giovanni XXIII, alla Stazione Centrale.

“Un ringraziamento particolare alle studentesse e agli studenti che hanno già fatto da apripista in questi mesi “promuovendo” così la convenzione stessa” ha aggiunto il rettore, in riferimento agli oltre 40 studenti del Dipartimento di Economia e Impresa già coinvolti nell’iniziativa.

Le attività previste saranno relative alla preparazione e servizio di pasti per le persone più bisognose.  Si tratta di azioni che rientrano nell’Area della terza missione, le quali potranno essere svolte grazie all’intesa tra il Dipartimento di Economia e Impresa e la Caritas Diocesana di Catania siglata dal rettore Francesco Priolo e dal direttore della Caritas don Nuccio Puglisi alla presenza dell’arcivescovo metropolita mons. Luigi Renna e del vicedirettore della Caritas, don Salvatore Pappalardo. Presenti alla firma anche la prorettrice Francesca Longo, il direttore del Dei Roberto Cellini e il prof. Livio Ferrante, referente dell’iniziativa, insieme con diversi studenti che hanno partecipato ad alcune attività di volontariato avviate nell’ottobre scorso.

L’idea di base è quella di fornire un aiuto concreto e costante al territorio, proponendo una esperienza altamente formativa per tutti i partecipanti. Il rettore Francesco Priolo, nel ringraziare la Caritas Diocesana, ha evidenziato “l’importante opportunità di crescita e formazione alla vita per le studentesse e gli studenti dell’ateneo collaborando con altri giovani nell’aiutare i più bisognosi”.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

“La firma della convenzione tra l’Università e l’Arcidiocesi si colloca nel contesto di una attenzione al territorio e alla sua complessità che vede convergere le finalità che animano le due istituzioni – ha dichiarato mons. Luigi Renna -. Non solo si vuole fare sì che ci sia un presidio ulteriore contro la dispersione scolastica, ma si intende anche coinvolgere i giovani universitari che, nel periodo della loro formazione umana e professionale, diventano quei ‘poeti sociali’, così li definirebbe papa Francesco, che pensano un mondo in cui la disuguaglianza sia sconfitta, a partire dall’educazione che rompe l’anello di una eredità di povertà che si perpetua per molti da generazioni. Un grazie al rettore Francesco Priolo, al direttore del dipartimento, alla direttrice dell’ufficio diocesano di contrasto alla dispersione che hanno lavorato a questo accordo”.

“Siamo davvero felici per questo passo così importante, per questo concerto di intenti che ci coinvolge in modo così straordinario e solo apparentemente trasversale – ha aggiunto il direttore Caritas diocesana di Catania, don Nuccio Puglisi – perché gli studi di alto livello accademico, e in modo particolare quelli di economia, possono diventare una voce importante nella risoluzione delle criticità sociali, come del resto il linguaggio della carità oggi più che mai si impone come istanza culturale, poiché presuppone una universale condivisione di valori. L’auspicio è che iniziative come queste, per cui ringraziamo di vero cuore il rettore, prof. Francesco Priolo, ispirino e modellino altre iniziative volte ad una crescita sempre più unitaria e sodale della nostra società”.

Il turno di servizio si comporrà di due diversi momenti: la preparazione dei pasti, che viene svolta dalle 15 alle 17:30 e il servizio degli stessi, attivo dalle 17:30 alle 19:30. Sarà data inoltre possibilità di recarsi insieme all’Unità di strada per la distribuzione dei pasti ai senza fissa dimora che hanno difficoltà a raggiungere i locali della mensa.


Direttori generali della sanità in Sicilia: l’elenco completo dei nomi

UNICT – Si celebra il Darwin Day: quando e dove sarà l’evento di divulgazione scientifica