Attualità

Equinozio autunno 2022: ora e data dell’evento

Equinozio autunno 2022- Equinozio autunno- Equinozio
Equinozio autunno 2022 in arrivo: ecco quando avverrà il passaggio dall'estate all'inverno per l'anno in corso e a che ora scatterà la nuova stagione in Italia.

Equinozio autunno 2022, ora e data: quest’evento segna di fatto il passaggio dalla stagione estiva a quella autunnale. Ecco di seguito tutte le informazioni riguardo la data, l’ora e in cosa consiste l’evento.

Equinozio autunno 2022: ora e data

L’equinozio avverrà alle ore 3:03 di venerdì 23 settembre: quest’evento segna la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno, perlomeno ciò è valido nell’emisfero boreale dato che nell’emisfero australe con l’equinozio di settembre si passa dall’inverno alla primavera. Sempre nel nostro emisfero, le ore di luce saranno gradualmente sempre meno, fino a quando non si arriverà al solstizio d’inverno che quest’anno è previsto per il 21 dicembre.

Cosa succede durante l’equinozio d’autunno

L’equinozio non avviene in un giorno, bensì in un preciso istante, che quest’anno in Italia è previsto per le 3:03 del 23 settembre. Infatti, l’equinozio avviene quando il Sole si trova nei pressi dell’equatore della Terra, ed i suoi raggi cadono in maniera perpendicolare all’asse di rotazione del nostro pianeta. Proprio per questo motivo,  in tutto il mondo sia il giorno e la notte, o meglio il periodo di luce e di buio hanno la stessa durata, infatti la parola equinozio deriva dal latino e significa notte “uguale”.

Equinozio autunno 2022: perché cade il 23 settembre

Le stagioni non cambiano sempre il 21 del mese ogni tre mesi: infatti l’equinozio d’autunno non ha mai una data fissa, come per quello di primavera. La data varia sempre tra il 22 ed il 23 di settembre, perché la Terra impiega un certo tempo per fare un giro completo attorno al Sole, che non è esattamente di 365 giorni, ovvero la durata dell’anno, ma 365 giorni 6 ore e qualche minuto.

Per questo motivo sono stati introdotti gli anni bisestili, vale a dire quegli anni che sono divisibili per quattro e che ogni quattro anni prevedono l’aggiunta di un giorno, solitamente nel mese di febbraio. In questo caso lo sfasamento tra il calendario gregoriano e l’anno solare determina la data dell’equinozio.