Università di Catania

UNICT – Dagli esami in presenza alla capienza al 100%: le nuove regole

Cambiano le regole inerenti alle restrizioni da Covid-19 che, in linea con l'attuale quadro epidemico, verranno progressivamente ridotte. Anche l'Università di Catania ha stabilito una serie di norme e scadenze che andranno a sostituire quelle attualmente in vigore.

Il prossimo 31 marzo cesserà lo stato di emergenza Covid-19 e dunque, le attuali misure di restrizione verranno progressivamente allentate. Anche l’Università di Catania modificherà alcune regole attuale, considerata l’attuale evoluzione del quadro epidemiologico in Italia e in particolar modo in Sicilia.

Tali norme riguarderanno la capienza nelle aule e sale studio, la sospensione della DaD e la modalità con cui poter sostenere gli esami di profitto, per gli studenti in sede e per gli studenti Erasmus.

Le nuove regole per aule e lezioni

A partire dal 1° marzo la capienza nelle aule e nelle sale studio arriverà al 100%, facendo così decadere l’obbligo di prenotazione dei posti. Le lezioni invece proseguiranno per tutti i corsi di studio del secondo semestre in modalità mista, fino alla fine del mese.

Dal 1° aprile 2022, invece, gli insegnamenti torneranno ad essere erogati esclusivamente in presenza. Possibili deroghe potranno essere concesse dal Rettore su richiesta dei Direttori di Dipartimento. Le attività di laboratorio e di tirocinio continueranno a svolgersi in presenza.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Eccezioni riguardano invece alcune categorie di studenti, che potranno accedere al supporto telematico per l’accesso alle lezioni e agli esami di profitto, previa presentazione di un’apposita documentazione. In particolare, le categorie in questione riguardano gli studenti:

  • in condizione di isolamento a causa di positività al Covid-19;
  • in condizione di fragilità certificata dall’ASP;
  • in condizioni di impedimento a raggiungere la sede dell’Università a causa della residenza in zone da cui non sono possibili spostamenti per ragioni epidemiche;
  • in condizione di disabilità certificata dal CINAP;
  • stranieri iscritti ai corsi internazionali e impossibilitati ad accedere al territorio italiano;
  • lavoratori.

Il ricevimento con i professori potrà poi essere effettuato sia in presenza che in differita. Fino al 31 marzo 2022 inoltre gli studenti outgoing che si trovano all’estero di sostenere gli esami di profitto online; la possibilità per gli studenti laureandi di inviare il file tesi in PDF/A 10 giorni prima dell’apertura dell’appello e per il relatore di confermare il file tesi 5 giorni prima dell’apertura dell’appello.

Le novità per esami e le sedute di laurea

A partire dal 7 marzo tutti gli esami si svolgeranno in presenza. Sulla stessa linea, le sedute di laurea si terranno in presenza con un massimo di 10 persone ammissibili per ciascun candidato dal 1° al 31 marzo; mentre a partire dal 1° aprile 2022 non ci saranno a riguardo più limitazioni sul numero di partecipanti. Anche in questo caso però, possibili limitazioni potranno essere introdotte dai Direttori di Dipartimento per specifiche esigenze.

Elemento importante è il fatto che rimane l’obbligo di esibire la certificazione verde per l’accesso ai locali dell’Ateneo e quello di indossare la mascherina chirurgica o Ffp2.