Università in pillole

Università, studentessa senza Green pass rifiuta di lasciare l’aula: prof sospende lezione

green pass studenti no tax
Una studentessa dell'Università di Bologna è stata invitata ad allontanare dall'aula poiché sprovvista di Green pass, al suo rifiuto la Professoressa ha deciso di annullare la lezione.

All’Università di Bologna è accaduto davvero: una professoressa ha annullato la lezione dopo che una studentessa senza green pass si è rifiutata di lasciare l’aula sotto invito della professoressa. A raccontarlo è proprio la ragazza durante una manifestazione tenutesi a Bologna in merito all’obbligo del Green pass.

Molti cittadini sono scesi in piazza a manifestare contro il Green pass e proprio tra questi era presente anche la studentessa che ha raccontato quanto accaduto nel suo corso di Filosofia dell’Università di Bologna.

“Sono qui per raccontare un giorno di straordinaria follia all’università – dice la studentessa -, dall’inizio delle lezioni non ho aderito all’infame tessera verde, uno strumento di controllo e discriminazione. Mi sono sempre presentata ma sono stata invitata ad uscire perché non ho il diritto di seguire le lezioni che la mia famiglia paga con una generosa ed esagerata somma di tasse annuali”.

“Mi è stato detto da alcune prof che mi sarei dovuta allontanare dalla struttura – continua – o in caso contrario prendermi la responsabilità dell’annullamento della lezione. Molto coerente essere sbattuta fuori da un corso di Filosofia. Comunque, quello che volevo raccontare oggi è stata la reazione di spropositata violenza che è scaturita da chi si sente protetto da normative illegittime: i miei compagni di corso a seguito della scelta della prof di sospendere la lezione, studenti che si suppone abbiano una coscienza critica, hanno inveito con urla, scherno e insulti nei miei confronti”.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!

“Addirittura con pretese, da parte dei pendolari, di essere rimborsati – continua la ragazza -. Fuori dall’università un gruppo si è riunito letteralmente per minacciarmi con frasi del tipo ‘se non fossi stata una donna le avresti già prese’, insomma sarei stata menata”.

UNIVERSITÀ DI CATANIA