In Copertina Università in pillole

Migliori università Lingue: la classifica Censis 2021/2022

migliori università lingue censis
Migliori università Lingue: quali sono? Scopriamolo attraverso la classifica Censis 2021/2022 che indica i migliori atenei per il groppo linguistico.

Migliori università Lingue: quali sono? Da anni il Censis stila una classifica delle migliori università presenti nel nostro territorio. In questa particolare classifica gli atenei vengono valutati secondo diversi dati, come ad esempio: le strutture presenti nell’ateneo, i servizi offerti, la capacità di comunicazione e il livello di internazionalizzazione. Ogni anno vengono esaminati tantissimi corsi, tra i quali è presente la classifica delle migliori università di lingue.

Le classifiche del Censis sono molto utili, perché permettono di capire il posizionamento delle varie università italiane e considerano anche un parametro particolare, quello della qualità della didattica.

Quali dati considera la classifica Censis?

Sono due i dati fondamentali utilizzati per stilare questa classifica:

  • l’internazionalizzazione: riguarda la mobilità degli studenti in uscita, il numero di stranieri iscritti  e le università ospitanti.
  • la progressione di carriera degli studenti: si considera il tasso di iscritti regolari, il tasso di regolarità dei laureati e il tasso di persistenza tra primo e secondo anno.

Il voto nella classifica finale si ottiene tramite la media aritmetica dei punteggi dei due dati.

Ecco le migliori università di lingue presenti in Italia

Facendo riferimento ai corsi linguistici e a un percorso accademico di tre anni, tra gli atenei statali troviamo al primo posto l‘Università di Bologna con un punteggio di 109, al secondo posto troviamo l’Università Modena e Reggio Emilia con 108 e al terzo posto l’Università Trieste con 107.

classifica università lingue

Per quanto concerne gli atenei non statali, facendo riferimento a corsi di laurea triennali nella classifica troviamo al primo posto Roma UNINT con un punteggio di 101, al secondo posto troviamo Aosta con un punteggio di 99,5 e al terzo posto Milano IULM con un punteggio di 92,5.

classifica università private lingue

Come si può notare fatta eccezione per Roma, le posizioni più alte della classifica sono ricoperte da atenei del nord, sia statali e non statali. 

Considerando le lauree biennali, troviamo invece al primo posto l’Università Ca’ Foscari di Venezia con un punteggio di 108, al secondo posto troviamo l‘Università di Udine con un punteggio di 104 e al terzo posto l’Università di Bologna con un punteggio complessivo di 103,5 punti.

Anche nel caso delle lauree magistrali, troviamo le università del nord nelle posizioni più alte della classifica. Al sud la migliore posizionata in classifica è l’Università  del Salento che si trova al nono posto con un punteggio di 92 punti.

Come si posiziona l’Università di Catania nella classifica Censis?

Come abbiamo già visto ci sono delle forti disparità tra gli atenei del sud e quelli del nord, l’Università di Catania in questo caso non è un’eccezione. Infatti per quanto riguarda i corsi triennali ad indirizzo linguistico, l’Ateneo catanese occupa la ventiduesima posizione con un punteggio generale di 80,5. 

Come si può osservare dai dati, il Dipartimento di lingue dell’università di Catania, ha un buon punteggio per quel che riguarda la progressione di carriera, ma allo stesso tempo non ha un buon punteggio per quanto concerne i rapporti internazionali.università di catania lingue

Il risultato è peggiore se si considera l’ambito delle lauree biennali, l’università di Catania si trova in quartultima posizione con 74 punti. In questo caso però il punteggio relativo ai rapporti internazionali è leggermente più alto rispetto al punteggio della progressione di carriera.

classifica unict lingue

A proposito dell'autore

Paolo Salemi

Nato a Catania nel 2001, mi sono diplomato all'Istituto Tecnico Industriale Archimede. Attualmente studio scienze e lingue per la comunicazione. Il mio più grande sogno è diventare giornalista, sono appassionato di sport e di scrittura. Da poco faccio parte della redazione, e spero di migliorarmi ogni giorno.