Catania

L’Etna avrà un museo, Musumeci: “Infrastruttura più importante per la città”

L'Etna finalmente avrà un museo. Stamattina, al Pala Regioale, il Presidente della regione Nello Musumeci ha presentato il progetto per la realizzazione di un museo dedicato interamente al vulcano Etna.

L‘Etna finalmente avrà un museo e sorgerà all’interno dell’ex ospedale Vittorio Emanuele. Il museo sarà suddiviso in sei diversi settori con installazioni tecnologiche e interattive. Stamani, infatti, il Presidente della Regione Nello Musumeci ha presentato il progetto al Pala Regionale. L’elaborato selezionato è firmato dallo studio Guicciardini & Magni di Firenze, che vanta un’ampia esperienza nella progettazione museale.  

“Il museo dell’Etna – ha dichiarato il Presidente Musumeci – è l’infrastruttura culturale più importante per la città da venti anni a questa parte, da quando nel 2001 furono realizzati il museo dello Sbarco e il museo del Cinema. L’idea di realizzare un grande museo dedicato al vulcano rientra nella programmazione di nuovi spazi museali della Regione Siciliana.  – aggiunge – Abbiamo deciso di ospitarlo, d’accordo con il Comune di Catania, nel luogo che ci sembrava più adatto non solo dal punto di vista architettonico ma anche filologico, perché lambito dalla colata lavica del 1669: l’ex ospedale Vittorio Emanuele II”.

La struttura, dismessa da un anno, sarebbe potuta diventare un luogo di degrado e, invece, abbiamo subito deciso di destinarlo a spazio culturale e luogo di aggregazione per visitatori e per la città. A questo obiettivo – ha aggiunto Musumeci – abbiamo lavorato con l’assessore comunale all’Urbanistica, Enrico Trantino, con la commissione consiliare Urbanistica, con i nostri tecnici del Genio civile e con l’assessorato regionale ai Beni culturali, guidato da Alberto Samonà”. I

Il governo regionale, infatti, ha destinato 13 milioni di euro per la realizzazione del museo dell’Etna nella parte centrale dell’edificio prospiciente la via Plebiscito. Altri 12 milioni sono destinati ai due corpi laterali, che saranno destinati a campus universitario e laboratori dell’Accademia di Belle Arti. Lo studio di architettura vincitore della procedura entro novembre dovrà consegnare il progetto esecutivo, così da bandire e aggiudicare la gara entro la primavera 2022. Da allora si prevede di avviare i lavori e completare l’opera in circa due anni.

“Per la città – ha aggiunto il sindaco di Catania, Salvo Pogliese – si avvia un percorso di eccezionale valenza. Voglio ringraziare il presidente Musumeci per avere fortemente voluto la realizzazione del museo dell’Etna, che potrà determinare nuovi flussi turistici. – conclude – Questa nuova realtà sarà motivo per valorizzare ulteriormente l’incredibile patrimonio Unesco di Catania, col suo barocco, e lo stesso vulcano”. 

Rimani aggiornato

Università di Catania