Attualità

Green Pass, regole e formato digitale: le linee guida dell’UE

Green Pass
Il green pass sarà necessario per spostarsi tra le varie regioni e per partecipare a vari eventi, l'UE raccomanda prudenza

Il green pass è necessario per spostarsi tra ragioni in fascia arancione e rossa. Dimostrerà di essere stati vaccinati o di essere guariti dal covid-19 o di essersi sottoposti a tampone con esito negativo, è già in vigore nelle regioni Italiane.


Green pass anche per matrimoni e feste: le nuove regole


Cosa si può fare con il green pass?

Oltre per gli spostamenti tra le varie regioni, il green pass permette di partecipare a feste e banchetti di nozze, probabilmente col green pass sarà anche possibile assistere ai concerti e anche per andare in discoteca.

Il premier Mario Draghi ha annunciato che si potrà tornare a viaggiare in tutta Italia dall’estero con un “pass verde nazionale”, in attesa che entri in vigore il green pass europeo. Al momento a prescindere dalla vaccinazione per entrare in Italia è necessario un tampone negativo 48 ore prima della partenza.

Per chi vuole andare all’estero, va precisato che ogni paese ha le proprie regole, diverse anche all’interno dell’Unione europea. In linea di massima anche se vaccinati, serve ancora un tampone prima della partenza.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Ecco il Digital Green Certificate, l’attestato dell’UE

L’Unione Europea vuole rilasciare un attestato simile al green pass italiano, ovvero il Digital Green Certificate, che avrà le stesse funzioni del green pass, si baserà su un QR Code associato a un codice identificativo univoco a livello nazionale e leggibile da tutti gli Stati Ue, dovrebbe entrare in vigore da giorno 1 luglio.

Per i vaccinati «la certificazione è rilasciata, in formato cartaceo o digitale, dalla struttura sanitaria ovvero dall’esercente la professione sanitaria che effettua la vaccinazione».

Per i guariti dal Covid la certificazione verde è rilasciata «in formato cartaceo o digitale, dalla struttura presso la quale è avvenuto il ricovero del paziente affetto da Covid-19, oppure, per i pazienti non ricoverati, dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta».

Quando sarà possibile avere il certificato in formato digitale?

Il certificato è attualmente cartaceo.  Il ministro per l’Innovazione Vittorio Colao in vista dell’entrata in vigore il 1° luglio del green pass europeo, ha confermato che, sempre dal 1° luglio, il certificato digitale sarà a disposizione degli italiani. 

La durata del green pass varia tra i 6 e i 9 mesi ed è gratuito per tutti i cittadini.


Green pass in formato digitale sull’App IO: ecco da quando