Scienza e Salute

Aperitivi digitali e lockdown: aumenta del 250% il consumo di alcol in casa

aperitivo a casa
La pandemia ha cambiato le nostre abitudini e i nostri consumi: secondo l'Iss è aumentato l'uso di alcolici a casa, anche a causa degli aperitivi digitali tra i giovani.

La pandemia ha cambiato radicalmente le nostre abitudini. Tra queste, il consumo di bevande alcoliche fuori casa, che a causa del lockdown si è drasticamente ridotto. Come conseguenza, tuttavia, il consumo di alcool a casa è aumentato in modo spropositato.  

Il settore non ha risentito della crisi economica a seguito della pandemia da Covid-19. Gli acquisti su canali online di e-commerce, per il settore delle bevande alcoliche si stima abbiano conosciuto un’impennata nel 2020 tra il 181 e il 250% nell’home delivery, con un aumento dei consumi domestici registrati”

L’isolamento e il periodo complicato che stiamo vivendo dice l’Iss ha portato a “un incremento di consumo incontrollato, anche favorito da aperitivi digitali sulle chat e sui social network, spesso in compensazione della tensione conseguente all’isolamento, alle problematiche economiche, lavorative, relazionali e dei timori diffusi nella popolazione resa sicuramente più fragile dalla pandemia”.

Il consumo di alcolici in casa è aumento anche per via delle chiusure nei pub e dei bar. Questo particolare ha cambiato le abitudini di tutti noi, creando una situazione difficile da gestire.

Speciale Test Ammissione