News

Coronavirus, avvistata di nuovo la Renault 4: da Aci Trezza si sposta nel Nisseno

La Reanault 4 con a bordo gli artisti di strada francesi è stata avvistata ieri in un comune del Nisseno. Sanzionati e posti in quarantena obbligatoria.

Aveva fatto scalpore qualche settimana fa la notizia della Renault 4 che, attraversando l’Italia, era giunta indisturbata sull’Isola. A bordo dell’auto erano presenti degli artisti di strada di origini francesi, che avevano affermato di essere giunti in Sicilia poiché, non avendo altri posti in cui andare, avevano accettato l’ospitalità di amici residenti a Catania. Posti sotto quarantena e sanzionati, i francesi sono stati avvistati più volte in giro per la città. Non si sarebbe ancora arrestato, comunque, il vagabondare della Renault 4 e dei suoi passeggeri, avvistati ieri a Mazzarino (CL).

A comunicarlo in un video sul suo account Facebook è stato il sindaco stesso di Mazzarino, Vincenzo Marino, anche dirigente medico del reparto di Cardiologia dell’Asp di Caltanissetta. Nel video Marino spiega come, nella giornata di ieri, gli sia stata segnalata la presenza sul territorio comunale della, ormai celebre, autovettura.

Accorso sul posto, il sindaco ha potuto costatare l’effettiva presenza dell’auto e dei suoi passeggeri, i quali si sarebbero giustificati dicendo di essere in condizioni di necessità umanitaria. In effetti, avrebbero dichiarato di abitare in molti in una sola stanza, quella degli amici ad Aci Trezza, e di essersi trasferiti in un’abitazione di campagna a Mazzarino messa a disposizione da un conoscente.

In possesso della sola autocertificazione, da loro compilata, e di nessuna autorizzazione, i passeggeri della Renault 4 sono stati nuovamente sanzionati e posti in isolamento, con l’obbligo della quarantena. Saranno, inoltre, effettuati i tamponi per verificare l’eventuale positività al Covid-19.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Leggi anche: Coronavirus, francesi con la Renault 4: “Siamo passati per un’emergenza