Attualità

Coronavirus in Sicilia: tampone positivo per un operatore del 118

È risultato positivo al coronavirus un dipendente di Seus, che in Sicilia gestisce il servizio del 118. La notizia viene divulgata dai sindacati Ugl sanità e Ugl medici, che chiedono allo stesso tempo maggiore sicurezza per le aziende ospedaliere e il personale impiegato nel settore sanitario.

La notizia è stata resa noto dai responsabili di Ugl sanità e Ugl medici. “L’agghiacciante notizia della positività al Covid-19 di un operatore della Seus 118 è arrivata ieri – dichiarano Carmelo Urzì, segretario regionale della Ugl sanità, e Raffaele Lanteri, segretario regionale della Ugl medici – contemporaneamente ad una nota con la quale l’Assessorato regionale della salute dispone l’effettuazione del tampone su tutti gli operatori sanitari, con modalità cicliche. Se da una parte, quindi, non possiamo che esternare la nostra rabbia, augurando al lavoratore contagiato una pronta guarigione, dall’altra accogliamo con soddisfazione l’emanazione di un provvedimento che, come organizzazione sindacale, avevamo richiesto nei giorni scorsi”.

Se si vuole fermare la catena di contagio – aggiungono – si deve censire con frequenza tutto il personale, anche non sintomatico, a cominciare dagli operatori del 118 che purtroppo oggi non hanno ancora dispositivi di protezione a sufficienza, per passare con i medici e sanitari dei pronto soccorso e poi tutto il personale degli ospedali siciliani, anche quello delle ditte in appalto che curano i servizi sanitari, le pulizie, il facchinaggio e le manutenzioni”. 

Continuiamo a ribadire infatti che chi è chiamato a prestare cure e ad operare nei luoghi di cura, non può di certo finire ad essere il paziente da curare. Che tra l’altro – proseguono i sindacalisti – al di là dei turni massacranti sono lavoratori che fanno rientro a casa e, se contagiati e non debitamente controllati, potrebbero trasferire il virus ai loro familiari: una catastrofe! Per questo, oltre a chiedere al Presidente della Regione siciliana Nello Musumeci e all’Assessore della salute Ruggero Razza di blindare le aziende ospedaliere, limitando al minimo e stretto indispensabile gli accessi di personale (soprattutto il personale amministrativo al momento non utile alla causa), anche con l’ausilio della presenza dell’Esercito, nonché di incaricare la Protezione civile regionale di attivare una corsia preferenziale di invio di materiali di prevenzione e protezione elevata per quei lavoratori che sono in prima linea a condurre la battaglia contro il Covid-19. Siamo certi che anche questi nostri suggerimenti, come gli altri in precedenza, verranno accolti senza indugio”.

L’operatore della Seus a Palermo, positivo al Coronavirus, non era comunque in servizio nelle ambulanze o in altri mezzi di soccorso del 118 siciliano. È impiegato, infatti, presso la direzione della Centrale operativa del 118 di Palermo, dove sono già stati effettuati tamponi sul resto del personale, tutti con esito negativo. Inoltre sono state attivate immediatamente tutte le misure di sanificazione degli ambienti e di contenimento previste. Lo ha spiegato la Seus, dopo che si è sparsa la notizia sul caso, spiegando che il dipendente è ora in quarantena domiciliare ed è in buone condizioni di salute.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!