News

Sicilia, 40 milioni dall’Anas: 15 milioni stanziati per Catania

L'ente nazionale per le strade progetta l'apertura di nuovi cantieri e lavori di manutenzione nel 2020 in Sicilia.

Lo scorso 23 dicembre l’Anas ha emanato un bando sulla Gazzetta Ufficiale per l’avviamento di lavori di costruzione e manutenzione di 23 lotti corrispondenti a zone delle varie parti d’Italia. I fondi riservati alla Sicilia ammontano a 40 milioni di euro, di cui 15 milioni riservati a Palermo e altrettanti a Catania e i rimanenti 10 mila stanziati per la manutenzione delle autostrade siciliane.

Il bando comprende interventi di ampio raggio quali opere di sostegno, sistemazione e regimazione delle acque, risanamento e consolidamento delle scarpate, ripristino degli elementi profondi del corpo stradale, adeguamento di intersezioni. Le zone interessate, divise in lotti, saranno soggette ad accordi quadriennali ripartiti in tutte le strutture territoriali o regionali dell’Anas, con la garanzia della massima tempestività nella programmazione e manutenzione delle strade.

“Stiamo lavorando – dichiara l’Amministratore Delegato dell’Anas Massimo Simonini – per avviare nuovi cantieri su tutto il territorio nazionale sia per contribuire al rilancio del settore e sia per rendere più moderne ed efficienti le infrastrutture viarie del Paese. L’obiettivo è garantire un viaggio confortevole e una guida sicura agli automobilisti che ogni giorno percorrono le nostre arterie”. 

Di seguito l’elenco delle zone prossimamente interessate dai lavori e relativi finanziamenti:

  • 15 milioni di euro l’area compartimentale di Palermo (lotto 1);
  • 15 milioni di euro per l’area compartimentale di Catania (lotto 2);
  • 10 milioni di euro per le autostrade della Sicilia (lotto 3);
  • 10 milioni di euro per l’area compartimentale di Cagliari in Sardegna (lotto 4);
  • 10 milioni di euro per l’area compartimentale di Sassari in Sardegna (lotto 5);
  • 15 milioni di euro per la Calabria (lotto 6);
  • 20 milioni di euro per la A2 “Autostrada del Mediterraneo” (lotto 7);
  • 20 milioni di euro per la Basilicata (lotto 8);
  • 15 milioni di euro per la Puglia (lotto 9);
  • 15 milioni di euro per la Campania (lotto 10);
  • 20 milioni di euro per il Lazio (lotto 11);
  • 10 milioni di euro per l’Abruzzo (lotto 12);
  • 10 milioni di euro per il Molise (lotto 13);
  • 10 milioni di euro per le Marche (lotto 14);
  • 20 milioni di euro per l’Umbria (lotto 15);
  • 20 milioni di euro per la Toscana (lotto 16);
  • 25 milioni di euro per l’Emilia-Romagna (lotto 17);
  • 30 milioni di euro per il Veneto (Lotto 18);
  • 5 milioni di euro per il Friuli Venezia Giulia (lotto 19);
  • 30 milioni di euro per la Lombardia (lotto 20);
  • 15 milioni di euro per la Liguria (lotto 21);
  • 10 milioni di euro per il Piemonte (lotto 22);
  • 10 milioni di euro per la Valle d’Aosta (lotto 23).