Catania

Flixbus, da Catania nuovi collegamenti con Basilicata e Puglia

Flixbus, la società tedesca di trasporti extra-urbani, ha inaugurato nuove tratte in partenza dalla città etnea: tutte le informazioni sui nuovi percorsi.

FlixBus collega per la prima volta Catania con Basilicata e Puglia, inaugurando così un nuovo corridoio per gli spostamenti nel Sud Italia. Contemporaneamente, sono stati ampliati i collegamenti con la Campania; aggiunta infine anche Caserta alle destinazioni, portando a circa 50 le mete raggiungibili dalla città in tutta Italia.

Chi parte da Catania può ora raggiungere anche Bari e Foggia fino a due volte al giorno e Taranto, Andria e San Giovanni Rotondo una volta al giorno. In Basilicata, inoltre, è possibile arrivare a Policoro, sulla costa ionica, mentre, in Campania, Caserta si affianca alle connessioni già disponibili con Napoli, Salerno e Sala Consilina.

Altra novità riguarda il potenziamento di alcuni dei collegamenti già esistenti tra Catania e altre città del Mezzogiorno, quali Villa San Giovanni, ora raggiungibile fino a sei volte al giorno, e Salerno e Napoli, collegate fino a due volte al giorno anche in notturna.

Queste corse si vanno ad aggiungere a quelle già esistenti verso le grandi città italiane: Roma, Milano, Torino e Firenze (collegate fino a due volte al giorno), Bologna, Padova e Venezia, infatti, sono già mete a beneficio soprattutto di lavoratori e studenti fuorisede alla ricerca di un’opzione economica per tornare a casa. Tutte le corse partono dal Terminal Bus di Via Archimede.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Sulle rotte che collegano la Sicilia con le altre regioni, che dal lancio del servizio hanno via via registrato un afflusso crescente di passeggeri, è atteso ora un incremento rilevante nel numero di prenotazioni in corrispondenza del periodo pasquale: secondo l’Anagrafe Nazionale Studenti, infatti, sono circa 50.000 i siciliani che studiano fuori regione, e la domanda di soluzioni di viaggio economiche è di conseguenza destinata a crescere.