Cronaca

Catania, studente picchiato davanti la scuola De Felice: prognosi di 30 giorni

Foto archivio

Vile aggressione ai danni di un giovane studente militante dei centri sociali, avvenuta stamani nei pressi della Scuola De Felice di Catania. Mentre svolgeva volantinaggio lo studente è stato raggiunto da una trentina di ragazzi che lo hanno picchiato, procurandogli la rottura dello zigomo.

Il sindaco Pogliese ha voluto dire sua sull’accaduto. “Mi auguro – ha detto il primo cittadino – che si tratti di un fatto isolato e che non si ripetano atti di questo tipo che rischiano innescare pericolosissime escalation. Chi ha ordito e messo in atto l’azione criminale si è assunto una grave responsabilità e spero che gli inquirenti individuano i colpevoli di questo penoso episodio, tanto più grave perché avvenuto nei pressi di un istituto scolastico”.

Il sindaco ha avuto riferito della prognosi di trenta giorni del ragazzo, ricoverato al Garibaldi: “Sono fatti – ha detto Pogliese – che vanno condannati e ripudiati perché alla violenza si deve sempre anteporre il rispettoso confronto delle idee e del dialogo; evidentemente qualcuno è rimasto fermo a metodi e sistemi di azione politica che speravamo fossero stati per sempre cancellati”.

 

Rimani aggiornato

Università di Catania