Lavoro, stage ed opportunità

Lavoro, pubblicati 4 bandi ANSF: assunzioni a tempo indeterminato

Nuove opportunità di lavoro presso l'ANSF: tutte le informazioni utili per candidarsi.

L’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie ha pubblicato quattro bandi bandi di concorso per l’assunzione di 37 figure a tempo indeterminato, tra cui collaboratori e funzionari tecnici, ingegneri professionisti e dirigenti. È possibile inviare la propria candidatura entro il 21 febbraio 2019.

I posti saranno così suddivisi:

  • n.11 posti per Collaboratore di area tecnica
    Requisiti specifici: diploma di nuovo ordinamento Settore tecnologico, indirizzo Meccanica, Meccatronica ed Energia; indirizzo Trasporti e Logistica; indirizzo Elettronica ed Elettrotecnica; indirizzo Informatica e Telecomunicazioni; indirizzo Costruzioni, Ambiente e Territorio;
  • n.18 posti per Funzionario di area tecnica
    Requisiti specifici: Laurea quinquennale o Laurea Magistrale o Laurea Specialistica in Ingegneria;
  • n.6 posti per Ingegnere professionista di I qualifica professionale
    Requisiti specifici: Laurea quinquennale o Laurea Magistrale o Laurea Specialistica in Ingegneria e iscrizione all’ordine professionale degli ingegneri;
  • n.2 posti per Dirigente di II fascia, settori tecnici
    Requisiti specifici: laurea o diploma di laurea V.O. in Ingegneria, abilitazione all’esercizio della professionale di ingegnere, iscrizione all’ordine professionale degli Ingegneri.

Tra i principali requisiti per inviare la candidatura:

 

  • cittadinanza italiana o cittadinanza di un Paese dell’UE o altre cittadinanza indicate sui bandi;
  • assenza di una delle situazioni previste dall’art. 55-quater del D.Lgs. n.165/2001; dall’art.62 del “Codice disciplinare” del CCNL relativo al Personale del Comparto Funzioni Centrali che prevede la sanzione disciplinare del licenziamento; di una misura cautelare restrittiva della libertà personale;
  • non essere stati destituiti o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione o non essere stati dichiarati decaduti o licenziati da un pubblico impiego;
  • appartenenza all’elettorato politico attivo e godimento dei diritti civili e politici;
  • non essere stati interdetti dai pubblici uffici o sottoposti a misure che escludono l’accesso agli impieghi presso le pubbliche amministrazioni;
  • idoneità fisica all’impiego;
  • regolarità dinanzi all’obbligo di leva per i candidati di sesso maschile nati prima dell’anno 1986.

Conclusa la presentazione delle candidature, gli interessati dovranno cimentarsi in tre prove d’esame: due prove scritte e una prova orale. Qualora il numero delle domande risulti superiore a quello espresso dalla Commissione, c’è la possibilità di una prova preselettiva, finalizzata alla riduzione del numero dei candidati.

Per ulteriori informazioni, consultare i bandi.

 

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.