Tecnologia e Social

Google, rimossi 3 miliardi di indirizzi per violazione del copyright

Secondo il report di Google contro la pirateria online, questo fenomeno è in diminuzione, mentre sono in crescita le spese per i contenuti legalmente disponibili.

Da tempo il motore di ricerca più famoso del web si impegna per combattere la pirateria online e, secondo l’edizione 2018 del report “How Google Fights Piracy”, si stanno riscontrando dei risultati importanti. Nel mondo, infatti, la pirateria online è diminuita e la spesa per i contenuti legalmente disponibile è in crescita.

Alcuni risultati del rapporto evidenziano le spese di YouTube: tra ottobre 2017 e settembre 2018, il sito ha pagato all’industria musicale più di 1,8 miliardi di dollari, calcolando i soli introiti pubblicitari; mentre ammonta a più di 3 miliardi di dollari l’importo che ha pagato ai titolari dei diritti che hanno monetizzato l’utilizzo dei loro contenuti.

Un dato rilevante, inoltre, è che Google ha rimosso più di 3 miliardi di URL per violazione del copyright, da quando ha messo a disposizione uno strumento che permette di effettuare segnalazioni.