Catania

Catania nell’operazione “Scuole Sicure”: presto videosorveglianza e cinofili

Foto archivio
Scuole sicure comprende anche Catania: si agirà con l'assunzione di personale nella polizia locale, videosorveglianza e unità cinofile.

Tre delle principali città siciliane rientrano nell’operazione “Scuole Sicure”, promossa dal Ministero dell’Interno: sono Palermo, Messina e Catania.

Anche nella città etnea si attueranno infatti i provvedimenti che mirano ad una maggiore sicurezza nelle scuole e dei quali si era già parlato nei mesi precedenti. I principali mezzi che saranno utilizzati per l’obiettivo sicurezza sono l’assunzione a tempo determinato di personale della polizia locale, l’installazione di impianti di videosorveglianza, sistemi di localizzazione, oltre alla presenza di unità cinofile e l’organizzazione di campagne educative.

Il Ministero ha già stanziato 78.500 euro per gli istituti di Catania, 59mila euro per Messina e 168.750 euro per Palermo.

La priorità e il fine principale dell’operazione è la possibilità di rendere luoghi pubblici come le scuole, frequentate da giovani, ambienti sicuri, riducendo al minimo i pericoli sia per gli studenti che per gli adulti che vi lavorano, tra docenti e membri interni al corpo scolastico.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!