Eventi

UNICT – Michele Placido ospite alla Scuola Superiore di Catania

"Discorsi di teatro, discorsi di vita" sarà un incontro con Michele Placido che si terrà alla Scuola Superiore di Catania che rientra nel ciclo "Estate a Scuola – Teatro" della rassegna "Porte aperte Unict 2018 - Dialoghi migranti".

Giorno 17 luglio alle ore 20:30 si terrà un incontro con Michele Placido a Villa San Saverio (Scuola Superiore di Catania) intitolato “Discorsi di teatro, discorsi di vita“. Il noto attore converserà con Laura Sicignano, direttrice del Teatro Stabile di Catania e con Lina Scalisi, coordinatrice della classe delle Scienze Umanistiche e Sociali della Scuola Superiore di Catania.

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti. La prenotazione è infatti obbligatoria, sul sito della Scuola Superiore di Catania.

Michele Placido nasce ad Ascoli Satriano (Foggia) nel maggio 1946. Studia all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico” e fa il suo esordio a teatro risale al 1970 con Ronconi ne “L’Orlando Furioso”. Da “Romanzo Popolare” al ruolo del Commissario Cattani nel televisivo “La Piovra” che nel 1983 lo ha reso ancor più famoso. Nel 1990 presenta a Cannes la sua prima opera come regista, “Pummaro’”.

Seguono “Le amiche del cuore” (1992), “Un eroe borghese” (1995), “Del perduto amore” (1997- David di Donatello a Fabrizio Bentivoglio come miglior attore non protagonista), “Un viaggio chiamato amore” (2002 – Coppa Volpi a Stefano Accorsi come miglior attore protagonista), “Ovunque sei” (2004 – in concorso al Festival del cinema di Venezia), “Romanzo Criminale” (2005 – vincitore di 8 David di Donatello e 5 Nastri D’Argento, in concorso al Festival di Berlino), “Il Grande Sogno” (2009 – in concorso al Festival del cinema di Venezia). Parallelamente alla carriera di regista non si arresta quella di attore alternandosi tra teatro, televisione e cinema.

L’evento rientra nella rassegna “Porte Aperte Unict 2018 – Dialoghi migranti” che fino al 1° agosto ospita concerti, proiezioni, spettacoli teatrali e incontri negli edifici storici dell’Università di Catania.

Rimani aggiornato