News

Sciopero nazionale controllori di volo: Fontanarossa tra gli aeroporti interessati

Luglio è alle porte, ma il primo giorno di ferie potrebbe diventare una tragedia per chi parte dai maggiori aeroporti italiani.

In piena stagione estiva, con viaggi già programmati da mesi e valigie quasi pronte, arriva la notizia che i turisti non vorrebbero mai sentire. È previsto infatti un mega-sciopero nazionale per il  5 luglio: la notizia non è ancora ufficiale ma se non si trova un accordo tra i sindacati e il ministero dei Trasporti verrà effettuato, e migliaia di viaggiatori rimarranno a terra.

Lo sciopero interessa i controllori di volo e riguarda tutte le sigle sindacali, dalla Cgil all’Ugl, quindi potrà essere davvero un “giovedì nero” in tutti i maggiori aeroporti italiani: Catania, Palermo, Brindisi, Lamezia Terme, Roma, Cagliari, Pescara, Torino, Venezia, Padova e Milano.

Nei prossimi giorni si capirà se è stato trovato un accordo o meno, ad ogni modo la situazione non è per nulla positiva. Infatti, nell’ultimo periodo, le proteste hanno visto un aumento pari al 300% rispetto al 2017. Durante questi mesi del 2018 ci sono già stati 24 giorni di sciopero in Europa, 5 mila cancellazioni, ritardi quadruplicati rispetto agli anni precedenti e soprattutto disagi per oltre 800 mila passeggeri.

A muovere queste accuse sono le compagnie aeree più note e utilizzate dai viaggiatori, che rappresentano il 70% del mercato europeo, come Air France KLM, easyJet, Lufthansa Group, Ryanair e Volotea.