Società

Resto al Sud, il progetto di Federica Novella: “Metterci in gioco a casa nostra”

La realizzazione di un laboratorio di Stampa 3D e Video Projection Mapping, è questo il piano di Federica Novella, la giovane ragazza di Mineo che racconta in esclusiva a LiveUnict il suo progetto.

Son ben 345, circa il 16% del totale, le domande presentate in Sicilia a Invitalia per “Resto al Sud“, il progetto, avviato lo scorso 15 gennaio, ideato per favorire la crescita economica del Mezzogiorno attraverso il sostegno finanziario per giovani aspiranti imprenditori che intendono avviare un’attività nel nostro territorio.

Delle domande presentate in Sicilia 49 sono state già approvate, con investimenti pari a 3,1 milioni di euro. In particolare, delle domande già approvate in Sicilia, sono 13 i progetti che verranno realizzati in provincia di Catania, città da cui l’iniziativa è partita.

Tra questi quello di Federica Novella, una giovane ragazza di 23 anni il cui progetto è quello di aprire nella sua città, Mineo, un laboratorio di stampa 3D e Video Projection Mapping.

Federica ci racconta come è nata l’idea del suo progetto: “L’idea nasce dalla passione verso la tecnologia e la fotografia. Insieme al mio ragazzo, Salvatore Salerno, ci siamo appassionati sempre più a questo mondo scegliendo, quindi, di metterci in gioco a ‘casa nostra’ e di provare a trasformare sogni e passioni in lavoro.

Lo scopo è quello di affiancare alla tradizionale realizzazione di manufatti artigianali la moderna tecnologia – prosegue Federica – per questo motivo ci affideremo ai computer per la progettazione grafica e la modellazione dell’oggetto da realizzare e, quindi, alle stampanti 3D nella fase di realizzazione finale. Mentre per quanto riguarda il Video Projection Mapping saranno i software specifici a permettere di realizzare video che saranno riprodotti su varie superfici, a seconda dalle esigenze dei nostri clienti.”

Ottenere il finanziamento non è difficile e non bisognerà attendere molto tempo. “Lo abbiamo ottenuto grazie al progetto dettagliato presentato sin dal primo giorno di apertura del bando “Resto al Sud” – confessa la studentessa menenina – e al successivo colloquio sostenuto con il team di Invitalia. Tutto è andato molto velocemente e, infatti, in meno di due mesi abbiamo ricevuto l’esito positivo. Attualmente stiamo facendo il contratto con una delle banche accreditate in modo tale da ricevere il finanziamento e iniziare i lavori”.

Adesso a Federica non resta altro che adoperarsi per mettere in pratica quello che fino ad ora è stato un sogno nel cassetto e adesso sta per diventare realtà. “Il progetto verrà messo in pratica tramite l’allestimento del laboratorio che apriremo a Mineo, il paese in cui viviamo. In questo momento non abbiamo dei competitors nell’area del calatino, ma bisogna spostarsi a Catania e Ragusa, ma in entrambe le città vengono offerti o solo la stampa 3D o i Video Projection Mapping. Per questo speriamo che la nostra idea possa portarci a raggiungere gli obiettivi che ci siamo prefissati”. 

Quello di Federica Novella è il perfetto esempio di come i giovani siciliani, con impegno, determinazione e creatività, possano riscattarsi e attraverso i loro progetti offrire un’alternativa che potrebbe rappresentare una svolta per il nostro territorio.