Erasmus

ERASMUS – Dal 2018 borse più ricche per studenti: le cifre

La Commissione Europea ha deciso di aumentare le borse di studio per incentivare la mobilità in entrata e in uscita dal nostro continente.

La Commissione Europea ha deciso nel 2018 di dare un contributo più cospicuo sia agli studenti diretti verso mete fuori dall’Unione Europea con 700 euro mensili, sia a studenti stranieri in entrata con ben 850 euro mensili. Inoltre, agli studenti verrà data anche la possibilità di poter svolgere un tirocinio in un paese del resto del mondo.

Queste iniziative rientrano nel progetto International Credit Mobility che, nel 2015, è stata inserito dalla Commissione Europea nel Programma Erasmus+. L’obiettivo del progetto è quello di valorizzare e finanziare la mobilità verso il nostro continente. Nel 2015-2016, il programma ha coinvolto 26.250 tra studenti e staff accademico, di cui 18.852 ospitati in Atenei europei provenienti soprattutto dai Paesi del Partenariato Orientale, dai Paesi del Sud Mediterraneo, dai Balcani, dall’Asia e dalla Federazione Russa.

L’Italia ha contribuito al progetto Erasmus con 2.255 mobilità, di cui 605 in uscita e 1.650 in entrata. Gli studenti coinvolti sono stati 1.443, di cui 1.139 in mobilità presso i nostri Atenei e provenienti soprattutto da Ucraina, Cina, Russia, Serbia e Marocco. I 304 partiti hanno scelto per lo più la Federazione Russia, Marocco, Stati uniti, Tunisia e Canada.

Per la maggior parte degli studenti, la mobilità si è rivelata sempre molto positiva: nel 98,4% dei casi si è dichiarato molto o abbastanza soddisfatto dell’esperienza appena conclusa. Inoltre, dopo l’esperienza, l’80% degli studenti ha dichiarato di avere le idee più chiare sui propri obiettivi professionali e il 90% si dichiara disponibile a lavorare in un contesto internazionale.

 

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.