Erasmus

ERASMUS – Italia al terzo posto: aumentano gli studenti che scelgono l’esperienza all’estero

L’esperienza dell’Erasmus è sempre più ricercata dagli studenti italiani, stando alle ultime stime relative all’anno accademico 2015/2016 che registrato un aumento del 20% rispetto all’anno precedente per un totale di 7.666 studenti.

L’Italia si guadagna cosi il terzo posto, per numero di studenti che partecipano all’Erasmus, preceduta soltanto da Germania con 8.090 studenti coinvolti e la Francia con 12.737 studenti.

Le mete più ricercate sono Spagna, Regno Unito e Germania, ma anche in questo caso l’Italia raggiunge una buona posizione, meritandosi il quarto posto per numero di studenti ospitati( 4.840).

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Il 67% degli studenti che scelgono il progetto Erasmus provengono da una laurea magistrale/ciclo unico, il 26% da un corso di laurea triennale e solo il 7% al terzo ciclo. Anche il numero dei neolaureati è aumentato, registrando un incremento del 30%.

Gli atenei da cui sono partiti più studenti sono l‘Alma Mater di Bologna con 436 studenti, l’Università degli Studi di Sassari con 364 studenti, l‘Università La Sapienza di Roma con 349 partecipanti.

Dai questionari compilati dagli studenti è emerso che le motivazioni che spingono gli studenti a scegliere l’Erasmus sono la voglia di mettersi alla prova, di acquisire nuove competenze e di aumentare le possibilità di lavoro in Italia e all’Estero. L’80% degli studenti ha dichiarato di avere le idee più chiare sul proprio futuro professionale dopo aver vissuto l’esperienza dell’Erasmus.

 

A proposito dell'autore

Rosa Rita Bellia

Studentessa presso la Facoltà di Farmacia di Catania, laureata in Chimica e Tecnologie Farmaceutiche. Appassionata lettrice, dedico parte del mio tempo libero a scrivere, tratto di cinema, libri e attualità, i miei principali interessi. Quando posso vado a teatro e partecipo alle mostre e gli eventi culturali della mia città. Per non annoiarmi troppo seguo anche la moda e il design. Credo nella libera informazione come fondamento saldo della democrazia, ho fiducia nel progresso e nella tecnologia se visti come strumenti per la promozione culturale.