Arte

CATANIA – Allievi dell’Accademia in piazza: flash mob contro la morte della cultura

Gli allievi dell’Accademia di Belle Arti di Catania scendono in campo per combattere il decadimento culturale. Un’ iniziativa della cattedra di Storia del Costume diretta dalla professoressa Liliana Nigro, un flash mob, in collaborazione con i giovani e talentuosi stilisti della Maison du Cochon,  per combattere e contrastare il decadimento culturale di cui è invasa la nostra società.

Da via Vanasco, sede dell’Accademia di Belle Arti diretta da Virgilio Piccari, proseguendo per via Etnea fino ad arrivare a piazza Duomo il numeroso e compatto gruppo di oltre sessanta persone in total black sfileranno in corteo con striscioni e manifesti contro il torpore culturale della nostra città.

La manifestazione dà il via alla XVI kermesse di moda teatrale e spettacolo che si svolgerà, come consuetudine, il 16 giugno, ore 21.00, a Villa Pantò. Tema di quest’edizione “La morte della cultura nella società di oggi”. Obiettivo del progetto risvegliare le coscienze, le amministrazioni e tutti coloro che credono nel possibile cambiamento per un futuro migliore. Durante la XVI Kermesse di moda e spettacolo saranno premiati anche importanti personaggi dello show business. I nomi a cui verrà assegnato il riconoscimento saranno resi noti in conferenza stampa qualche giorno prima della cerimonia.

Ai nostri microfoni, Paola e Antonella, due studentesse dell’accademia che hanno affermato sull’evento: “Non vogliamo che sia solo un ‘passatempo’. Si tratta di un evento che sta a cuore a tutti noi, docenti e studenti, ma anche cittadini. Il nostro obiettivo è portare in alto il valore della cultura, il nostro paese è culla dei movimenti artistici che più hanno influenzato il mondo. Non sarebbe corretto se non riuscissimo a portare avanti questa tradizione, bloccandola dal tepore e dall’indifferenza generale che sembra aleggiare negli ultimi anni. Tutto può essere trasformato, basta un po’ più di attenzione.”

L’appuntamento per il flash mob è fissato per giovedì 18 maggio, alle ore 9.30.