Scuola

SCUOLA – Il Consiglio di stato accetta ricorsi e revoca ruoli a diplomati magistrali

Più equità e più rispetto dei punteggi nelle graduatorie ad esaurimento. 

Il ricorso della Gilda degli insegnati contro il Miur è stato accolto dal Consiglio di Stato. L’associazione aveva chiesto la revoca degli incarichi a tempo indeterminato di due insegnati sarde che avevano terminato il loro anno di prova.

La Gilda mira a tutelare il diritto al lavoro, spesso inficiato da provvedimenti di revoca dietro cui si nascondevano in vero dei licenziamenti. La proposta è quella di garantire omogeneità sul territorio nazionale nell’inserimento dei punteggi nelle graduatorie ad esaurimento, arrestando le disparità create dagli uffici scolastici provinciali che attualmente se ne occupano. Il fine ultimo sarebbe quello di tutelare il diritto al lavoro dei precari storici.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Dopo la vittoria in Sardegna, la Gilda ambisce a continuare la battaglia nel resto del territorio italiano per portare a risoluzione tutti gli altri contenziosi simili.

A proposito dell'autore

Simona Lorenzano

Cresciuta ad Agrigento, terra in cui ha respirato la grecità a pieni polmoni, consegue la maturità presso il Liceo Classico Empedocle. La passione per la salute e il benessere la spingono a laurearsi in Infermieristica a Catania. Scrive su Live UniCT sin dal primo anno di università e continua a coltivare il suo amore per la scrittura, la musica e le discipline umanistiche. Per citare Plinio il Vecchio: “Non lasciar passare neanche un giorno senza scrivere una riga”.