Altro Attualità Lavoro, stage ed opportunità Medicina Odontoiatria Ostetricia News Società Università di Catania

SISM Catania: corso di clown therapy, la cura del sorriso

clown therapy

Clown therapy come approccio alternativo alla cura: quando il sorriso diventa un presidio terapeutico. 

La cura del sorriso. Questa una delle migliori ed emblematiche sintesi di ciò che muove, muoverà e ha mosso lo scorso fine settimana circa cinquanta giovani che hanno partecipato alla quarta edizione del corso di formazione Smile-x Project. Come ogni anno, come ormai da tradizione, gli studenti di medicina della sede locale di Catania del SISM, segretariato italiano studenti medicina, aderenti al progetto Smile-x, hanno organizzato un corso per reclutare, formare e introdurre venticinque nuovi ragazzi all’arte della clown therapy. Il corso è stato svolto e magistralmente tenuto da quindici ragazzi che si sono occupati, a titolo assolutamente gratuito, di ogni aspetto: dalla logistica alla cucina. La parte della didattica e della formazione, condotta da quattro trainers veterani, si snodava tra punti fondamentali come: il team building, la figura dei clown nella storia e nelle corsie, la fantasia e l’immaginazione nella pratica medica e la possibile equità politica e sociale di quest’ultima, il burnout e molto altro ancora. Dopo due intensi giorni di attività e pura gioia la sede locale catanese ha venticinque nuovi clown che si aggiungono ai settantacinque già attivi da diversi anni nei reparti degli Ospedali Vittorio Emanuele e Policlinico. “I messaggi che abbiamo cercato di trasmettere ai nuovi studenti sono quelli di una Clown therapy come approccio alternativo alla cura; clown therapy come veicolo, attraverso il sorriso e l’ars dell’umorismo, di benessere e input positivo al piccolo paziente che trova una tregua dalla grigia corsia dell’ospedale” dichiara Mariateresa Pizzo, coordinatrice locale del progetto, “colgo l’occasione per ringraziare ogni singolo Nasino Rosso che ha reso possibile tutto ciò augurando loro di portare sempre un naso rosso invisibile nella quotidianità della pratica medica”.