Attualità Società

Giornata nazionale contro il risvoltino: hipster siete avvisati!

131242729-7509227e-30ae-45f2-ac21-a6daee9273b4

Scordatevi il classico Pesce d’aprile: quel giorno infatti avrete di meglio da fare, ossia togliere i risvoltini alle persone. Quest’anno il primo aprile non sarà dedicato ai classici scherzi tipici di quella giornata ma sarà la “giornata nazionale contro il risvoltino”, il cui scopo è quello di riuscire a debellare la piaga del risvoltino appunto, moda che ha preso il sopravvento nell’ultimo periodo e che consiste nel portare i pantaloni risvoltati sopra la caviglia e senza un motivo ben preciso .
Una moda, questa, che sta dilagando ormai un po’ dappertutto e che ha trovato il suo centro principale a Bologna, definita dal Sunday Times città italiana degli hipster per eccellenza.

Tuttavia non tutti accettano questa nuova tendenza, anzi. Negli ultimi tempi si è scatenata una vera e propria rivolta anti-risvoltini che ha già portato alla creazione di numerose pagine Facebook e ha visto due youtuber, i Relative, andare in giro per Bologna a togliere i risvoltini agli ignari passanti.

Ora, con l’evento del primo aprile sembra che stia per arrivare il colpo di grazia definitivo per i risvoltini. L’evento vede già la partecipazione di oltre cinquantamila persone e il numero sembra destinato ad aumentare.

Questa iniziativa presenta dunque uno scopo ben preciso: “ Il primo aprile al posto del classico pesce finto attaccato sulla schiena dei malcapitati cari amici, rendiamoci utili e fermiamo questa epidemia del risvoltino. Aiuta anche tu un portatore di questo problema nella giornata Nazionale dedicata all’abolizione di questo scempio. […] Un tuo inchino con sistemazione pantaloni può salvare un essere umano”.Tale messaggio è stato ovviamente firmato dalla “Lega Nazionale Contro Il Risvoltino”, artefice di questa giornata.

Resta dunque da chiedersi: riusciranno questi intrepidi nella loro ardua impresa? Se anche voi siete interessati e volete partecipare a questa nobile causa basta cliccare sull’evento Facebook.