Altra faccia informazione Attualità Terza Pagina

Virus Ebola: l’allerta del Ministero della Salute. «Controlli alle frontiere»

ebola.jpg_370468210Il virus adesso fa davvero paura, sembrerebbe, secondo Il mattino, che nella giornata del 4 aprile 2014 è stato diramata una circolare, a quanto pare segreta, che invita lo stato di allerta e una stretta vigilanza alle frontiere. La circolare del  Ministero della Salute è stata inviata all’Enac, alla Farnesina, a tutte le regioni ed alla Croce Rossa Italiana.

Le procedure stabilite prevedono controlli sugli ingressi nel territorio nazionale e un monitoraggio degli italiani presenti nei paesi colpiti dall’epidemia. Il tempo di incubazione del virus che varia dai 2 a i 21 giorni per la trasmissione a contatto con sangue e secrezioni, ed arriva sino ai 49 giorni per contagio derivante dallo sperma.

PAURA PER LAMPEDUSA A Lampedusa, dove le ondate migratorie sono fortissime, per esempio, l’Italia rischia di essere impreparata a fronteggiare quella che l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha definito come la più grave epidemia degli ultimi anni.
A centinaia. “I migranti arrivati in questi giorni – racconta all’Espresso, Pietro Bartolo, coordinatore sanitario dell’isola – provengono in gran parte dalla Libia e questo dovrebbe escludere la presenza di portatori del virus ebola. Ma in ogni caso è meglio stare con gli occhi aperti perché la situazione è drammatica e non è possibile procedere all’identificazione dei migranti che arrivano”.

L’ORIGINE DELL’EPIDEMIA L’epicentro della nuova infezione è la Guinea, dove dal 7 aprile sono stati registrati 151 casi con 95 decessi. Ebola sta già camminando nel centro Africa e ha colpito in Sierra Leone, Mali e Liberia. Secondo la classificazione di rischio dell’Organizzazione mondiale della Sanità , l’epidemia del 2014 è classificata come “serious public health impact”, come “evento raro, insolito o inaspettato” ed a rischio, seppure basso, di “diffusione internazionale”. Si sta cercando di capire se l’epidemia sia stata un atto di bioterrorismo.

Rimani aggiornato