Attualità Libri

Più colore a Catania per la “Festa degli incontri”

Si è svolta in data  5 maggio 2013 la tanto attesa “Festa degli Incontri”, un evento regionale organizzato dall’ACR (Azione Cattolica Ragazzi) che ha visto coinvolte tutte le 18 diocesi della Sicilia presso la Villa Bellini di Catania. Oltre 5 mila persone tra bambini, ragazzi, educatori e genitori tutti  allegramente e “coloratamente” riuniti nel lussureggiante parco catanese, accuratamente addobbato con festoni e palloncini per rendere quanto più piacevole, a “misura di acierrino”, l’intero evento. Diversi gli scopi che hanno spinto gli organizzatori a mettere su  una simile iniziativa: primo fra tutti è l’obiettivo di far incontrare i ragazzi di tutte le diocesi della Sicilia in un clima di festa; secondo quello di far conoscere, a cinquant’anni dall’apertura, il Concilio Vaticano IIuna tappa di estrema importanza che ha consentito alla Chiesa romana di “spalancare” le porte al “mondo esterno” . La festa degli incontri rappresenta il coronamento di un percorso portato avanti all’interno dei singoli gruppi di ACR a livello parrocchiale e poi diocesano per arrivare, con il 5 maggio,  ad un incontro di portata regionale, percorso che sarà ultimato a settembre con l’incontro nazionale a Roma. La festa  lascia nei cuori di tutti i partecipanti l’incredibile messaggio che la Chiesa, che è insieme società visibile e comunità spirituale (GS 86), cammina insieme con l’umanità tutta e sperimenta assieme al mondo la medesima sorte terrena, essa è come il fermento e quasi l’anima della società umana (GS 87).  

Particolare attenzione è stata data alla figura di Don Pino Puglisi, centrale nel pomeriggio di ieri, a venti giorni dalla sua beatificazione. Temi “difficili” da trattare sia con gli adulti che con i bambini, ma nonostante tale complessità dinnanzi ai giochi e  alle varie attività ludiche, il tutto è riuscito magnificamente. Dopo i momenti di gemellaggio con le altre parrocchie, il pranzo in mezzo al verde e l’ora dedicata a padre Puglisi, la via Etnea si è magicamente riempita di colore, gioia, entusiasmo e allegria:  tutto grazie all’interminabile marcia di bambini che sfilavano con striscioni, palloncini, bandierine, ponpons colorati risuonando per tutta Catania. Una specie di treno umano in cui fede, azione,preghiera, solidarietà, amore, vicinanza,affetto, cura, attenzione  si fondevano in un’incantevole armonia. Quest’atmosfera di gioia e di pace è culminata nella messa celebrata alle ore 16 a Sant’Agata, presieduta dal vescovo di Catania S. E. Mons. Salvatore Gristina, alla fine della quale tutti i gruppi delle varie diocesi sono tornati a casa.

 

A proposito dell'autore

Maria Eleonora Palma

Autore - Sono nata il lontano 24 Novembre del 1993 a Vittoria, una piccola città in provincia di Ragusa. Mi divido tra Catania, dove frequento il primo anno della facoltà di Scienze e Tecniche Psicologiche, e la mia città natale che amo tanto e a cui sono legati ricordi, amicizie e impegni vari. Sono una persona piuttosto socievole e accogliente, amo fare nuove esperienze (per questo piuttosto spesso mi ritrovo in situazioni buffe e stravaganti, comunque… sorvoliamo la faccenda!). Mi piace molto scrivere, leggere libri di tutti i generi e sono da ormai 4 anni educatrice in ACR (Azione Cattolica Ragazzi). I bambini sono il mio piccolo laboratorio: mi piacerebbe in futuro lavorare con loro, e grazie a questa opportunità ho scoperto pian piano che i bambini non sono dei piccoli “mostriciattoli capricciosi”, anzi un continente di emozioni, pensieri e comportamenti da scoprire. E’ molto bello e gratificante lavorare e avere a che fare con loro, spesso sono più sensibile e profondi degli adulti. Mi piacciono gli animali, anche se per ragioni di spazio, non ne tengo alcuno a casa. L’ultimo libro che ho letto è Lo strano caso del cane ucciso a mezzanotte, uno dei miei libri preferiti, riletto più volte, questa è la terza, e credo uno dei testi meglio riusciti sull’autismo infantile. Non appena riuscirò a ritagliarmi un po’ di tempo, vorrei iniziare un corso di fotografia. Quello che mi manca è la Reflex, ma questo non è un problema.