Cronaca

Picchia e minaccia di morte la madre: voleva soldi per comprare alcol e droga

arresto-carabinieri
Foto d'archivio.
"Colpa tua se la birra mi è caduta a terra… ora t’ammazzo!": queste le grida di un uomo contro la propria madre.

Arrestato a Biancavilla un uomo di 35 anni responsabile di “maltrattamenti contro familiari o conviventi” ed “estorsione”. I carabinieri del luogo, infatti, in tarda serata hanno ricevuto la richiesta d’aiuto di una donna 63enne, che ha riferito di essere stata picchiata dal figlio per l’ennesima volta. Quest’ultimo le chiedeva spesso denaro per poter comprare sostanze alcoliche, stupefacenti e giocare ai video poker, mettendo in difficoltà la propria madre e reagendo male ai suoi “no”.

I militari, recatisi presso la casa dov’è successo il fatto, hanno trovato la donna emotivamente provata con segni di percosse sul corpo. Attorno a lei i familiari ed il 35enne, autore dell’aggressione. Secondo la ricostruzione dei fatti, il figlio avrebbe da lei preteso 30 euro, che sarebbe riuscito ad ottenere solo dopo averla aggredita. Il marito della donna, di 70 anni, sarebbe intervenuto in difesa della moglie, bloccando il figlio e dando lui i soldi.

Una volta ottenuto il denaro, l’uomo sarebbe uscito per alcune ore, tornando in casa ubriaco, iniziando una nuova lite con la famiglia, minacciando di morte in particolare la madre: “Colpa tua se la birra mi è caduta a terra… ora t’ammazzo!“. Poi, dopo essere stato arrestato dai militari, l’uomo avrebbe continuato: “Appena torno (dal carcere) t’ammazzo!“.

L’uomo è stato dunque tratto in arresto, posto a disposizione dell’Autorità giudiziaria, che ne ha convalidato l’atto. Sconterà la sua pena presso il carcere catanese di piazza Lanza.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!


Catania, interruzione energia elettrica: le zone interessate