Cronaca

Mafia, duro colpo al clan Santapaola: sequestro di beni per 1,5 milioni di euro

Mafia, sequestrati beni del valore di 1,5 milioni di euro ad un soggetto vicino al clan dei Santapaola, già sorvegliato speciale dalla Polizia di Stato.

Duro colpo al patrimonio di un soggetto vicino al clan dei Santapaola. Si tratta di Giovanni Fraschilla, 60 anni, sorvegliato speciale a cui è stato sequestrato dalla Polizia di Stato un patrimonio di 1,5 milioni di euro. Il patrimonio comprende tre imprese commerciali tra Catania e Giardini Naxos (Messina), una del settore del noleggio veicoli, quattro immobili , undici veicoli e numerosi rapporti finanziari.

Fraschilla risulta, tra l’altro, gravato da precedenti penali e di polizia per reati di grave allarme sociale, alcuni dei quali conclusisi con sentenze passate in giudicato, fra quali: omicidio volontario aggravato, sequestro di persona e porto illegale di armi, tentata estorsione, associazione per delinquere finalizzata alla truffa ai danni dello Stato, falso ideologico, materiale ed altro. Le indagini hanno consentito anzitutto di delineare la “pericolosità sociale” di Giovanni Fraschilla per poi individuare i patrimoniali e le attività commerciali intestate fittiziamente ad altri ma riconducibili a lui ed ora sotto sequestro e reimpiego dei proventi delle attività illecite commesse dall’interessato.

Il sequestro, emesso su proposta del Questore ed in stretto raccordo con la Procura distrettuale, è stato il culmine di indagini della divisione Anticrimine e della Squadra Mobile su un tentativo di estorsione aggravata dal metodo mafioso ai danni di un imprenditore che hanno consentito di individuare persone organiche al clan Santapaola. Tra queste, oltre al già citato, Giovanni Fraschilla,  Francesco Santapaola, di 44 anni – figlio di Salvatore Santapaola che è cugino del boss Benedetto – Cesare Marletta, di 51, cognato di Fraschilla, Nicolò Andrea Corallo, di 41, e altre persone ritenute vicine al clan.

Università di Catania