Catania

Catania, parte differenziata in nuove zone del centro: in città ora si differenzia al 32%

Una nuova "fetta" di città si aggiunge alle zone interessate dalla raccolta differenziata porta a porta: si tratta di un'area compresa nel lotto "Centro".

Nella giornata di ieri, lunedì 14 novembre, è stato dato il via a un nuovo step della raccolta differenziata a Catania: è partita, infatti, una nuova tranche di raccolta nel lotto “Centro”, vale a dire in quell’area compresa tra Via Garibaldi, Via Palermo e Viale Mario Rapisardi. Sale, dunque, la percentuale della raccolta differenziata in città: adesso, una porzione della città equivalente al 32% differenzia i propri rifiuti.

I cittadini appartenenti a quest’ampia porzione della città, circa 15mila, sono stati invitati, nei giorni scorsi, a presentarsi per la consegna dei mastelli dei rifiuti: una gran parte li ha ritirati presso il centro situato in via Ala, mentre, durante la mattina di ieri, giorno dello start della raccolta differenziata, in tanti si sono recati presso il secondo punto di raccolta situato in via Ameglio.

La partenza della raccolta differenziata in questa nuova fetta del lotto Centro, ad ogni modo, non è stata delle migliori: nel lasso di tempo compreso tra la rimozione dei vecchi cassonetti e lo start della raccolta porta a porta, si sono venute a creare centinaia di micro discariche, create dai “cittadini riluttanti” al cambio d’ordine. Tuttavia, queste micro discariche sono destinate a sparire: gli operatori della raccolta sono tuttora al lavoro per rimuoverle, mano a mano, tutte.

La percentuale della differenziata a Catania, dunque, sale notevolmente; in particolare, il lotto Sud, gestito da Ecocar, differenzia al 37%, quello Nord, affidato a Supereco, al 52%, quello Centro, infine, al 24%. Il prossimo step, nei confronti di quest’ultimo lotto, sarà portare la differenziata a San Cristoforo: l’area, che comprende ben 7mila cittadini, è in attesa di dare il via al passaggio porta a porta.

Università di Catania