Catania

Plaia Catania, controlli in lidi: sanzioni per lavoro in nero e pesce non tracciabile

carabinieri catania playa
Foto di repertorio.
Controlli effettuati presso i diversi lidi della Plaia di Catania: individuate regolarità e scattate sanzioni.

I Carabinieri della compagnia di Catania Fontanarossa, insieme ai colleghi del 12° Reggimento “Sicilia”, del nucleo ispettorato del Lavoro di Catania e dell’Asp, sono stati occupati in un’estesa attività di controlli preventivi negli stabilimenti balneari della Playa.

Le sanzioni

In particolare, in un lido ubicato sul viale Kennedy è stato denunciato l’amministratore unico, un 47enne catanese: l’uomo, infatti, aveva fatto installare un impianto di videosorveglianza non autorizzato all’interno della struttura ed aveva anche omesso la sorveglianza sanitaria nei confronti di uno dei dipendenti. Per questo motivo sono scattate sanzioni per un importo complessivo di 1.615 euro ed una maxi multa di 3.600 euro. Quest’ultima è scattata poiché, nel corso del controllo, è stato identificato un lavoratore “in nero”. Sono state attivate le procedure per il recupero di contributi Inps e Inail non versati per un importo di 1.200 euro.

I militari, inoltre, hanno proceduto al sequestro, per la successiva distruzione, di 32 chilogrammi di pesce e carne, privi di etichette e di indicazioni utili alla loro tracciabilità con un’ulteriore sanzione amministrativa di 1.500 euro.

I controlli stradali

Contemporaneamente alle ispezioni negli stabilimenti balneari, sono stati effettuati anche dei controlli alla circolazione stradale che hanno portato all’identificazione di una trentina di persone e la verifica di una ventina di veicoli.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

Le violazioni alle norme imposte dal codice della strada sono consistite in: mancata copertura assicurativa, guida senza patente e mancata revisione periodica, e hanno comportato l’elevazione di sanzioni amministrative per un importo complessivo di oltre 7.000 euro ed il fermo/sequestro amministrativo per tre mezzi.