Cronaca

Bambina di 5 anni scomparsa nel Catanese: “Rapita da 3 uomini”

Elena Del Pozzo
Elena Del Pozzo, bambina di soli 5 anni, sarebbe stata rapita da tre uomini incappucciati: è quanto emerge da diversi post divenuti immediatamente virali.

Una bambina di cinque anni, Elena Del Pozzo, nel corso di questo pomeriggio sarebbe stata rapita nel Catanese, più in particolare a Piano Tremestieri (frazione del comune di Tremestieri Etneo).

Secondo quanto riferito attraverso diversi post, gli stessi che stanno attualmente facendo il giro del web, la piccola sarebbe stata caricata in auto da tre uomini incappucciati, che l’avrebbero prima portata via dalla madre e alla fine sarebbero scomparsi nel nulla. Il modello e il numero di targa della vettura in questione non sarebbero stati annotati da nessuno.

Attualmente la Procura di Catania, che ha confermato la notizia, sta indagando per sequestro di persona ma non emerge ancora nulla in questa fase di indagini, particolarmente delicata.

Di fatto la stessa Procura ha sottolineato che né l’ufficio né i Carabinieri del comando provinciale e della Tenenza di Misterbianco, attualmente impegnati nelle indagini, “daranno al momento ulteriori informazioni”. 

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!

Nonostante sia stata aperta un’inchiesta, sono dunque ancora da chiarire le ragioni del presunto sequestro.

I dettagli sulla bambina scomparsa

La piccola Elena Del Pozzo ha soli cinque anni e vive a Mascalucia, Comune in cui la madre ha presentato la denuncia di scomparsa nelle scorse ore. Attraverso numerosi post, sono state diffuse le principali informazioni sulla bambina, oltre che una versione dei fatti.

Si ricerca DEL POZZO Elena nata a CT il 12.7.2017 residente in Mascalucia via Euclide 55 – si legge – . Bambina rapita zona Piano Tremestieri verso le ore 15 odierne. Denuncia in corso presso Arma Mascalucia che procede. Probabili autori 3 persone incappucciate a bordo di auto di cui sconoscesi modello colore e targa. Chi la vedesse avvisare immediatamente”.

UNIVERSITÀ DI CATANIA