News

Coronavirus Sicilia, più di 2000 contagi nel weekend: “Sarà una settimana decisiva”

Si apre una settimana decisiva in Sicilia sul fronte Covid: i contagi ieri sono calati, ma le vittime restano alte. Ecco tutti gli aggiornamenti.

Coronavirus Sicilia: il bollettino pubblicato dal Ministero della Salute in merito alla situazione epidemiologica in Italia, evidenzia un calo anche nell’Isola rispetto ai giorni scorsi. Nella giornata di ieri, domenica 24 gennaio 2020, sono 875 i nuovi positivi al Covid19 in Sicilia, su 20.591 tamponi processati con una incidenza del 4,2%. L’isola è settima per contagio dopo la Lombardia, L’Emilia Romagna, la Campania, il Lazio, il Veneto e la Puglia.

Continua a rimanere tuttavia alte le vittime: ieri sono state in tutto 32 e il totale arriva a quota 3.226. Il totale degli attualmente positivi è 47.654, con un incremento di 27 casi rispetto a sabato. I guariti sono stati, invece, 816. Negli ospedali i ricoveri sono stati 1.658, 9 in meno rispetto a ieri, dei quali 227 in terapia intensiva, quattro in più rispetto a ieri.

La distribuzione nelle province vede Messina 224, Catania 211, Siracusa 157, Palermo 122, Caltanissetta 65, Ragusa 33, Enna 28, Trapani 22, Agrigento 13.

Il bollettino di sabato

Nella giornata di sabato, invece, i positivi erano stati oltre mille. Nell’Isola erano stati 1.158 i nuovi positivi al Covid, su 23.465 tamponi processati. Le vittime erano state 33 e i guariti 787.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di Amazon Prime destinati agli studenti e ottieni uno sconto sull'abbonamento tramite LiveUniversity. Iscriviti ora e ottieni tre mesi gratis!

“La settimana che si apre – ha affermato il governatore Nello Musumeci – sarà quella decisiva per uscire definitivamente dalla zona rossa e cominciare a guardare col sorriso e speranza al futuro. Ma dipende da ciascuno di noi, dalla condotta singola o collettiva di noi siciliani. Sia chiaro io in questi giorni non guardo al termometro del consenso popolare, perché chi gestisce un’epidemia deve guardare al numero dei morti. Noi non ci possiamo permettere il lusso di perdere 40 persone al giorno”.