Catania

Aumentano contagi in provincia di Catania: i dati sui paesi etnei

tamponi sicilia
Il Coronavirus non accenna a fermarsi nella provincia etnea: crescono ancora le nuove positività. Ecco tutti i dati.

Il Coronavirus continua la sua corsa incessante attraverso i territori della provincia etnea, la seconda ad essere colpita dopo il palermitano. Solo nella giornata di ieri, si sono contati, a Catania, 441 nuovi positivi; i casi totali in tutto il territorio siciliano, invece, hanno subìto un incremento di 1.871 nuove unità.

Acireale

Il sindaco Stefano Alì ha comunicato tramite i social, in queste ore, il nuovo aggiornamento relativo alla città di Acireale. Le notizie sembrano essere ottime: “i dati ricevuti ieri sono in assoluta controtendenza e fotografano una situazione un po’ meno preoccupante […], forse l’ASP, dove è in corso una riorganizzazione delle competenze, non ha caricato tutti i dati, fatto sta che i positivi salgono a 402 con appena 3 nuovi positivi (erano 56 ieri) ed 1 soggetto non più positivo”.

Il sindaco ha poi aggiunto che sono “17 i soggetti ricoverati in ospedale e 2 in altra struttura, c’è pure una bimba di 5 anni e penso al dramma che sta vivendo la famiglia. 5 i soggetti deceduti per covid 19 comunicati ad ieri dallo stato civile”. Sebbene i dati lascino intravedere un po’ di luce, Alì ha voluto ricordare che “non ci deve fare abbassare la guardia, ricordiamoci sempre che mettiamo in gioco la vita delle persone con cui entriamo in contatto, rispettiamo tutte le precauzioni, andiamo in giro solo se strettamente necessario”.

Adrano

In attesa di novità da parte della città di Adrano, giunge proprio in queste ore la terribile notizia di un altro decesso causato dal Covid-19. A perdere la vita è stato un 63enne, con patologie pregresse non gravi: era ricoverato all’ospedale di Biancavilla, dove ha perso la sua battaglia contro la malattia.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!

Misterbianco

Gli ultimi dati concernenti il comune di Misterbianco risalgono a ieri: con un avviso, è stato comunicato che “i soggetti attualmente positivi sono complessivamente 361, di cui 27 ricoverati in ospedale e 334 a domicilio”. Invece, “ammontano a 747 i soggetti, attualmente non positivi, sottoposti ad isolamento domiciliare non scaduto”.

Paternò

Anche per quanto riguarda Paternò, gli ultimi dati risalgono alla giornata di ieri. Come comunicato sui propri canali social, “i casi accertati di Covid-19 a Paternò risultano allo stato attuale 432 di cui 42 ospedalizzati. Il dato  è comprensivo dei soggetti paternesi risultati positivi durante l’attività di screening di massa in modalità “Drive In” organizzati nei due scorsi weekend“.

Aci Catena

Ieri, il sindaco Nello Oliveri, tramite la sua pagina Facebook, ha informato i cittadini di Aci Catena dell’“l’andamento numerico, purtroppo sempre crescente, dei contagiati nel territorio comunale. Ad oggi si registrano 174 casi di positività al coronavirus, mentre sale a 302 il numero di coloro i quali sono posti in isolamento. Dei contagiati, sette sono ospedalizzati”.

Per questo motivo, il sindaco ha ricordato ancora una volta di “adottare misure di distanziamento fisico ed il fondamentale utilizzo della mascherina oltre che ad igienizzare frequentemente la mani”, e di “uscire di casa solo per comprovate necessità”. Il sindaco ha comunicato inoltre che “se non diminuiranno il numero dei positivi nel nostro territorio, sarà necessario restringere ed imporre alcune limitazioni, affinché si possa contenere il propagarsi del Coronavirus”.

Bronte

Come comunicato dal sindaco Pino Firrarello sul proprio canale social, nella giornata di ieri sono stati riscontrati “410 positivi, di cui 5 ospedalizzati, mentre 648 sono i Brontesi posti in isolamento fiduciario”. Bronte, si ricordi, è stata posta in “zona rossa”: dal 21 novembre al 3 dicembre sarà vietato l’ingresso e l’uscita dal paese, così come gli spostamenti non necessari. Allo stesso modo, saranno chiuse scuole, uffici comunali e negozi, fatta eccezione per quelli dove si trovano in vendita beni di prima necessità.