Scuola

Scuola, oggi si riapre: al via il recupero dei “debiti”

Nuovo DPCM Draghi
Riaprono oggi le scuole, ma non per le lezioni: al via i piani di apprendimento individualizzato. Ecco di cosa si tratta.

Accantonate le settimane di polemiche e dubbi in merito, si inaugura ufficialmente oggi il nuovo anno scolastico. Gli insegnanti, infatti,  tornano a scuola per le prime riunioni e la pianificazione delle attività didattiche, in attesa del ritorno a scuola degli studenti.

La riapertura è, tuttavia, legata anche al recupero degli apprendimenti. Ricordiamo, infatti, che il lockdown ha comportato l’estensione della  promozione a tutti gli studenti. Tuttavia, chi ha riportato in pagella il 6 dovrà comunque recuperare il “debito”, anche se la prova finale per la verifica del recupero non sembrerebbe obbligatoria: l’attuazione di quest’ultima, infatti, dipenderà dalla volontà dei dirigenti delle singole scuole.

Non si tratta, dunque, dei corsi di recupero organizzati fino allo scorso anno. E la trasformazione della loro natura trascina con sé anche un cambio di nome: da quest’anno, infatti, si parlerà di Pai, sigla che sta per “piani di apprendimento individualizzato”.

In alcuni casi questi si svolgeranno in presenza, in altri, per il secondo grado, a distanza: anche questo è un aspetto che dipenderà dall’autonoma scelta dei singoli istituti.

Advertisements

Sfrutta i vantaggi di TEMU destinati agli studenti universitari per ottenere un pacchetto buono di 💰100€. Clicca sul link o cerca ⭐️ apd39549 sull'App Temu!


Leggi anche:

Scuola, incertezza sull’avvio: la situazione regione per regione;

Inizio scuola in Sicilia, Musumeci: “Si parte il 14 settembre, ma con possibilità di rinvio”