Università in pillole

Università, via ai tirocini alla Regione Siciliana per giovani neolaureati

Assemblea regionale siciliana
Università, la Regione Siciliana avvia i tirocini per 110 universitari selezionati tra gli atenei dell'Isola. Il progetto avrà una durata di dodici mesi complessivi e prevede un'indennità di 1600 euro lordi mensili massimo.

A emergenza sanitaria rientrata e periodo di smart working concluso, i tirocini degli universitari provenienti dagli atenei di Catania, Enna, Palermo e Messina selezionati con l’Avviso 26/2018 “Attivazione di percorsi per rafforzare l’occupabilità di giovani laureati nella Pubblica amministrazione regionale” possono iniziare.

Per un centinaio di universitari è infatti iniziato il periodo di tirocinio presso gli uffici della Regione Siciliana. Dopo una prima fase formativa, svolta presso le sedi universitarie di appartenenza durante i mesi scorsi, prende infatti il via la seconda fase del progetto regionale che vede impegnati i tirocinanti, selezionati dagli Atenei siciliani aderenti all’iniziativa, per la durata di 12 mesi presso gli uffici dell’amministrazione regionale.

Rientrata l’emergenza Coronavirus – spiega l’assessore regionale all’Istruzione e alla formazione professionale Roberto Lagallaabbiamo immediatamente avviato i tirocini presso i nostri uffici regionali, garantendo ai ragazzi condizioni di massima sicurezza. Abbiamo quindi aspettato che le condizioni permettessero l’avvio delle attività in presenza, ritenendo questo aspetto fondamentale per un’esperienza realmente formativa. Da questi giovani promettenti ci aspettiamo infatti un contributo prezioso per la nostra amministrazione e sono sicuro che l’iniziativa, inedita per la nostra regione e fortemente voluta dal presidente Musumeci, consentirà loro di maturare un’esperienza professionale significativa e spendibile nel prosieguo del percorso professionale. A tutti i tirocinanti rivolgo quindi i migliori auguri per l’inizio della loro attività”.

Tutti i tirocinanti, provenienti dalle università di Palermo, Catania, Messina ed Enna sono stati selezionati direttamente dagli atenei e distribuiti, coerentemente con il loro profilo curriculare, nei vari uffici regionali. Nel dettaglio, 21 di loro hanno già iniziato il periodo di tirocinio presso la presidenza della Regione Siciliana, 4 all’assessorato delle Attività produttive, 5 ai Beni culturali e dell’identità siciliana, 12 all’Economia, 7 all’Energia e ai servizi di pubblica utilità, 7 alla Famiglia, politiche sociali e lavoro, 7 alle Autonomie locali e alla Funzione pubblica, 7 alle Infrastrutture e mobilità, 5 all’Istruzione e formazione professionale, 10 all’Agricoltura, sviluppo rurale e pesca mediterranea, 7 alla Salute, 6 al Territorio e ambiente e 3 al Turismo, sport e spettacolo. La fase di tirocinio avrà la durata di dodici mesi (1.256 ore), con un’attività quotidiana da svolgersi in coerenza con gli orari di servizio degli uffici regionali.

A ciascun tirocinante sarà corrisposta una indennità mensile per un valore massimo di milleseicento euro lordi. Durante questa fase di tirocinio l’Università metterà a disposizione i tutor che collaboreranno con quelli dell’istituzione ospitante, assicurando in tal modo i supporti formativi necessari. Al termine è poi previsto un corso di formazione avanzato di restituzione, sistematizzazione e approfondimento delle competenze acquisite, della durata complessiva di 30 ore.