Università di Catania

UNICT – Lauree ed esami in presenza a luglio: c’è la conferma ufficiale

Laureati Disum Almalaurea 2020
Unict conferma quanto anticipato in mattinata sulla possibilità di svolgere esami e sedute di laurea in presenza a partire da luglio. Queste le modalità adottate dall'ateneo catanese.

Come anticipato da LiveUnict nelle prime ore di stamattina, a partire dal 1° luglio 2020 gli esami di profitto e gli esami di laurea si svolgeranno in presenza se nell’aula prescelta saranno preventivamente accertate le condizioni di sicurezza prescritte dal “Protocollo sicurezza anti contagio Covid 19 – Fase 2″adottato dall’Ateneo. È quanto stabilito dall’ateneo di concerto con il Comitato regionale degli atenei siciliani (Crus) in data 15 giugno.

Esami

Per ciò che concerne gli esami di profitto, qualora non ci fossero le condizioni prescritte di sicurezza per svolgere la prova in presenza, si potrà continuare a svolgere esami in modalità telematica attraverso la piattaforma Microsoft Teams fino al 31 luglio 2020. Per quanto riguarda le commissioni, resta confermato che, sempre fino al 31 luglio 2020, possono essere composte anche soltanto dal docente titolare dell’insegnamento.

Lauree

Fermo restando il rispetto del Protocollo di sicurezza, a partire dal mese di luglio, anche gli esami di laurea potranno svolgersi in presenza, ma ciascun candidato potrà avere con sé solo un numero ridotto di accompagnatori, fino a un massimo di 5 persone. Le commissioni per la valutazione della prova finale sono composte da un numero minimo di 3 docenti per i corsi di laurea (triennali) e di 5 docenti per i corsi di laurea magistrale e magistrale a ciclo unico.

Per le sedute del mese di luglio 2020, resta confermato quanto deliberato dal Senato accademico nella seduta del 24 marzo 2020 con riferimento alle procedure amministrative: il laureando può inviare il file tesi in formato PDF/A 5 giorni prima dell’apertura dell’appello e il relatore può confermare il file “tesi” 3 giorni prima dell’apertura dell’appello.

Protocollo sicurezza anti-contagio COVID-19: in cosa consiste