Università di Catania

Coronavirus, ufficiale: la laurea in Medicina diventa abilitante

Il ministro dell'Università annuncia che nel decreto Cura Italia è prevista l'assunzione di 10 mila medici in attesa dell'abilitazione, che andranno immediatamente a potenziare i servizi territoriali.

Adesso è ufficiale: la laurea in medicina diventa abilitante per svolgere la professione di medico, così come previsto dal decreto Cura Italia e confermato dallo stesso ministro per l’Università Gaetano Manfredi.

“I diecimila laureati in Medicina che hanno fatto domanda per l’Esame di Stato, fino a ieri necessario per l’abilitazione al mestiere, potranno essere impiegati subito nei servizi territoriali, nelle sostituzioni della Medicina generale, nelle case di riposo. Libereranno diecimila medici che saranno trasferiti nei reparti di corsa”. È questo l’importante annuncio del ministro per l’Università Gaetano Manfredi, che spiana la strada a migliaia di aspiranti medici in attesa di “arruolamento”.

“Con questo decreto – aggiunge Manfredi – abbiamo accorciato di otto, nove mesi l’ingresso nel mondo del lavoro dei laureati in Medicina. Lo chiedevano gli studenti, i camici bianchi, gli amministratori della sanità. La laurea per gli infermieri, le professioni mediche appunto, già funziona così. Il bisogno di medici in Italia negli ultimi anni è diventato un’urgenza, l’emergenza epidemiologica ci ha fatto accelerare i tempi e varare una cosa giusta. Ci adeguiamo agli standard europei”.

Le misure, approvate per contrastare l’emergenza epidemiologica, saranno un aiuto futuro anche per gli studenti di Medicina non in procinto di completare gli studi, nel percorso di avvicinamento al mestiere vero e proprio, e porteranno il Paese allo stesso livello degli standard dell’Unione Europea.


Coronavirus, approvato decreto: dal congedo parentale ai contributi, tutte le misure

Coronavirus, concluso il Consiglio dei Ministri: la diretta di Conte