News

L’anno delle grandi speranze: in Sicilia aumentano le iscrizioni scolastiche

concorso-scuola-bando
Il MIUR registra un aumento delle iscrizioni scolastiche in Sicilia per l'a.s. 2020/2021 e sigla con Regione Siciliana un accordo per l'avviamento di un percorso sperimentale di potenziamento per alcuni istituti scolastici a rischio.

Nonostante il risultato disastroso profetizzato da alcuni nel 2019, durante il quale si è registrata la perdita di più di 12mila alunni, i dati statistici del MIUR mostrano un aumento del 4% delle iscrizioni scolastiche in Sicilia. Una dimostrazione di resilienza silenziosa, per l’isola della Trinacria, dopo le parole pronunciate da Marcello Pacifico, presidente nazionale dell’Anief (Associazione nazionale insegnanti e formatori), il quale sosteneva che “l’andazzo registrato negli ultimi anni in Sicilia sarebbe stato confermato“.

Una piccola grande vittoria per il Sud, anche se, come sottolinea l’Assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla, gli obiettivi da raggiungere sono ben più grandi. “Guardiamo con ottimismo al trend positivo – spiega l’assessore – ma l’obiettivo resta quello di ridurre drasticamente il divario con le altre regioni del Paese.” Infatti, se la percentuale di iscritti a tempo pieno alla scuola primaria statale risulta essere del 15,6%, rimane comunque al di sotto della media Italiana, che per alcune regioni raggiunge addirittura il 60%. E’ già un primo passo.

Per contrastare il dilagante fenomeno della dispersione scolastica, che in Sicilia raggiunge l’allarmante quota del 37%, l’assessore Lagalla ha siglato con il MIUR un accordo per l’avviamento di un percorso sperimentale per il potenziamento del tempo pieno. L’USR (Ufficio Scolastico Regionale) si è occupato di selezionare 15 istituti scolastici situati in aree a rischio e dunque maggiormente soggetti al fenomeno della dispersione scolastica. Servizi di mensa, laboratori di musica, danza, iniziative sportive già coinvolgono centinaia di giovani studenti.

Risulta pigmalionica l’istanza dell’iniziativa portata avanti da Regione Siciliana e Ministero: oltre che luogo di apprendimento, la scuola vuole riconfermarsi come luogo di scoperta di se stessi da parte degli studenti, in cui mettere a frutto il proprio potenziale. Costruzione prima che istruzione: una Bildung per azzerare qualsiasi famigerato divario.