Arte

Catania, ritorna “Domenica al museo”: i siti ad ingresso gratuito e ridotto

Con l'iniziativa caratterizzata dall'hashtag #DOMENICALMUSEO i cittadini e i turisti avranno un'altra occasione per visitare Catania. La città etnea aprirà gratuitamente e a prezzo ridotto le porte dei propri musei e siti archeologici.

Torna ancora una volta l’invito alla cultura promosso sin dal 2014 dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. Con “Domenica al museo” più di 480 musei accolgono liberamente milioni di turisti e di stessi cittadini a porte aperte, alla scoperta delle ricchezze artistiche e culturali di cui il Paese è letteralmente disseminato.

Anche Catania questa domenica, il 2 settembre per la precisione, parteciperà all’iniziativa: ecco gli elenchi dei musei e siti archeologici ad ingresso gratuito e ridotto.

Siti a ingresso gratuito:

  • Palazzo della Cultura  dalle ore 9,00 alle ore 13,00.
  • Teatro Romano e Odeon di Catania dalle ore 9,00 alle ore 17,00.

Siti a ingresso ridotto:

  • Museo Civico Castello Ursino, dove sarà possibile ammirare dalle ore 9.00 alle ore 21.00 la mostra “Da Giotto a De Chirico. I tesori nascosti” (la biglietteria chiude un’ora prima);
  • Museo Emilio Greco dalle 9,00 alle 13,00;
  • Museo Belliniano dalle 9,00 alle 13,00;
  • Palazzo della Cultura, dove dalle ore 10,00 alle ore 20,00 si potranno ammirare le opere di Henri de Toulouse-Lautrec nella mostra “La Ville Lumière” (la biglietteria chiude un’ora prima);
  • Monastero dei Benedettini, dove, tramite una visita guidata, si andrà alla scoperta di uno dei luoghi più misteriosi e caratteristici di Catania.

Redazione

Articoli scritti dalla Redazione.

Altro... 2018, arte, catania, domenica al museo, estate, MIBACT
Angelina, la “mummia di Catania”: l’infelice storia di una nobile siciliana

In una cappella gentilizia del cimitero di Catania risiede una mummia risalente al 1911. Si tratta di una giovane ragazza,...

Catania, pericolo cavalcavia: necessari controlli alla Zona industriale

Assessorato comunale della Zona Industriale chiamato in causa. Servono controlli ed eventuali interventi per la manutenzione del cavalcavia dell'ottava strada.

Chiudi