News

Vertice sui ponti in Sicilia: convocati Anas, Cas e Protezione civile

Dopo la tragedia del ponte Morandi di Genova è stato lo stesso governatore della Sicilia Nello Musumeci a richiedere un incontro sullo stato di salute delle strutture.

“I fatti di Genova – dice Musumeci – ci impongono di effettuare un monitoraggio per avere ben chiaro la situazione in Sicilia. Già a febbraio avevo pensato di avviare questa campagna per la sicurezza dei trasporti nell’isola”.

Sono queste le parole con le quali il presidente della Regione Nello Musumeci ha accompagnato la convocazione per venerdì dei vertici di Anas, Cas, della Protezione civile e i dirigenti dell’assessorato regionale alle Infrastrutture. Il fine della riunione operativa sarà quello di fare un punto sullo stato di salute dei ponti, delle autostrade e della viabilità secondaria nell’Isola.

Il governatore, inoltre, si prepara a mandare in archivio il Consorzio autostrade siciliane, che gestisce la Palermo-Messina, la Messina-Catania e la Siracusa-Gela: “Il Cas – anticipa Musumeci – chiuderà entro l’anno. Questa esperienza sembra essere conclusa e c’è l’intesa con l’assessore alle Infrastrutture e l’intero governo affinché si definisca la questione in questo senso. C’è l’Anas interessata alla successione”.

Leggi anche: Ponti a rischio in Sicilia: dopo tragedia Genova, arriva l’ipotesi di demolizione